menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Casa del sesso a pagamento in pieno centro a Saonara, denunciato un 38enne cinese

Uno strano via vai di uomini di tutte le età in un appartamento di via Zago ha fatto scattare le indagini dei carabinieri. Sequestrato l'immobile di proprietà di un'italiana ignara di quanto accadesse all'interno di quelle mura

Sabato pomeriggio, i carabinieri hanno fatto irruzione nell'appartamento di via Zago dove hanno trovato due prostitute cinesi che, in abiti succinti, attendevano l'arrivo dei clienti. Varie stanze dell'abitazione erano adibite a location destinate agli incontri con luci colorate soffuse, candele e profumatori vari, oltre a musica in sottofondo e numerosi accessori per tutti i gusti sessuali.

MERETRICI. Dopo essere state identificate, le due donne, rispettivamente di 57 e 43 anni, hanno ammesso ai militari di esercitare la prostituzione orami da diversi anni e di percepire la somma di 30 euro per ogni prestazione.

ANNUNCI ON LINE. Le modalità di approccio seguivano una prassi oramai consolidata, secondo sui i clienti contattavano dapprima telefonicamente le due meretrice reperendo i recapiti su annunci on line, si accordavano sulla natura del rapporto e raggiungevano l'abitazione seguendo le indicazioni che venivano loro fornite.

DENUNCIATO. I carabinieri hanno quindi sequestrato l'appartamento. La proprietà del locale era di una donna italiana che si è dichiarata ignara di quanto avvenisse all'interno di quelle mura. Aveva affittato l'immobile ad Y.X., 38enne della provincia di Modena, il quale a sua volta l'aveva destinato a vera e propria casa di prostituzione. L'uomo è stato denunciato per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione aggravati consumati ai danni delle due connazionali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento