menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I lavoratori sul tetto (foto Facebook)

I lavoratori sul tetto (foto Facebook)

Sindacati uno contro l'altro e all'Interporto si scatena la protesta: sei lavoratori sul tetto

Tensioni nel settore logistica sempre più forti dopo i blocchi del 21 ottobre scorso

Dopo lo sciopero del 21 ottobre scorso, la cooperativa che gestisce il magazzino Pam di Padova all’interno di Interporto, ha deciso di adottare il provvedimento dell’esclusione da socio nei confronti di sette lavoratori (un altro era stato adottato nel mese di settembre). Gli si contesta la "partecipazione ai blocchi" attuati davanti ad Interporto in occasione degli scioperi. Contro quella che Adl Cobas definisce una "rappresaglia" nei confronti dei lavoratori iscritti al sindacato, mercoledì mattina è andata in scena una protesta agli ex Magazzini generali di corso Stati Uniti e alcuni lavoratori sono saliti sul tetto con dei fumogeni, per manifestare contro cooperativa, Pam e Interporto.

SINDACATI UNO CONTRO L'ALTRO. Una guerra, quella del settore logistica di Padova, che vede schierati l'uno contro l'altro gli stessi sindacati. Da un lato, Adl Cobas, dall'altro la Filt Cgil, che, mentre all'esterno si svolgeva la protesta, ha tenuto una conferenza stampa negli uffici della Pam all'Interporto - presente Romeo Barutta, segretario generale della Filt Cgil Padova - "per fare il punto sui diritti conquistati in questi anni e per dire no a forme di lotta sindacali illegali che rischiano di danneggiare innanzitutto i lavoratori e di spingere importanti aziende che operano nel padovano ad abbandonare gli attuali siti produttivi, determinando crisi occupazionali senza uscita". Il riferimento è anche alla possibilità che Pam e Aspiag lascino l'Interporto di Padova a seguito dell'inasprirsi delle tensioni. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento