menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tagli di organico alla primaria Arcobaleno: genitori in protesta al provveditorato

Oggi mamme e papà della scuola di zona Cave andranno dal provveditore per consegnare le lettere di protesta contro la riorganizzazione dell'organico docenti che penalizza la primaria a tempo pieno

Questa mattina, una delegazione di genitori della scuola primaria a tempo pieno “Arcobaleno” di via Santi Fabiano e Sebastiano alle Cave si recherà nella sede del provveditorato provinciale agli studi di via Sanmicheli per consegnare alla dirigente Maria Giuliana Bigardi trecento lettere firmate da altrettanti genitori più un grande letterone in formato A0 scritto in rima dai propri bambini.

I genitori chiedono di trovare una soluzione al problema che si è posto nell’ultimo consiglio d'istituto, ovvero la perdita di un insegnante e mezzo - l’insegnante d’inglese lavora contemporaneamente in due istituti - dall’organico dei docenti, per l’anno scolastico 2011-12 e successivi.
 
La protesta è iniziata da una decina di giorni contro le decisioni che i componenti del consiglio del XIII istituto comprensivo Tartini si apprestano a varare in merito alla destinazione delle risorse per i prossimi anni. “La decisione di estendere il tempo pieno ad altre scuole del XIII istituto, va a scapito della scuola Arcobaleno – dichiarano i genitori - alla quale verrebbero sottratte ulteriori risorse, compromettendo in maniera irreversibile i progetti educativi e formativi per cui la scuola si è costituita, elemento determinante nella scelta dei genitori all'atto dell'iscrizione dei propri figli”.
 
“Diversamente le risorse concesse ad altra scuola non si tradurrebbero in un miglioramento della qualità della scuola stessa – aggiungono - come affermato dai loro delegati al consiglio d'istituto. La richiesta è infatti determinata da esigenze meramente legate allo spostamento in avanti dell'orario di uscita dei bambini. Si concederebbero quindi più risorse ad una scuola la cui impostazione didattica non è strutturata per avere un vantaggio qualitativo dallo spostamento di risorse mentre la scuola Arcobaleno, già sottodimensionata, non sarebbe più in grado di mantenere quell'impostazione che fa parte della sua tradizione”.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Il Sant'Antonio di Evyrein compare in centro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento