Duecento profughi in protesta con cartelloni e striscioni in centro a Bagnoli: traffico in tilt

Manifestazione, giovedì mattina, dei migranti ospiti dell'ex base di San Siro

La protesta a Bagnoli (foto da Facebook)

Duecento profughi in protesta, giovedì, nel centro di Bagnoli. La manifestazione, che ha raggiunto la piazza principale del paese, davanti al Municipio, è andata in scena dalle 8 del mattino ed è rientrata dopo un'ora. A sfilare sono stati alcuni richiedenti asilo di origine africana ospiti dell'ex base di San Siro.

TRAFFICO PARALIZZATO. La presenza del corteo di migranti ha provocato non pochi disagi alla circolazione: su Facebook è scattato il passaparola tra i cittadini, con il consiglio di evitare le strade del centro del paese per non rischiare di rimanere intrappolati nel traffico. 

FORZE DELL'ORDINE. Sul posto sono arrivati i carabinieri, che hanno tenuto sotto controllo la manifestazione, garantendo la sicurezza. Verso le 9.30, il gruppo si è allonato dal centro, spostandosi nuovamente verso il centro di accoglienza, dove è proseguita la protesta.

LA PROTESTA. Striscioni e cartelloni hanno accompagnato la manifestazione. I profughi chiedono la semplificazione delle procedure burocratiche per poter abbandonare in tempi rapidi il centro di Bagnoli, ma anche migliori condizioni durante la permanenza: tra le richieste, una qualità maggiore del cibo e un incremento delle attività del centro di accoglienza, in particolare un aumento delle classi di italiano, attualmente due sole per 800 persone.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IL PRECEDENTE. Quella di giovedì non è la prima manifestazione di protesta messa in atto dai richiedenti asilo ospiti di Bagnoli. L'ultima risale allo scorso 17 gennaio, quando un gruppo di migranti bengalesi impedì l'accesso e l'uscita dal campo agli operatori, per manifestare le proprie difficoltà di convivenza con gli altri richiedenti asilo provenienti dall'area sub-sahariana, in particolare ivoriani e nigeriani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «La nostra super Bubi ha guadagnato un passaggio per il Paradiso»: Lavinia ci ha lasciati

  • Due padovane in difficoltà lungo la Strada delle 52 Gallerie: interviene il soccorso alpino

  • Coronavirus, positivi 5 bambini del centro estivo e 8 ragazzi tornati dalla vacanza in Croazia

  • Violento schianto contro il palo della luce: guidatrice trasportata in ospedale

  • Mancato utilizzo della mascherina: chiusi per 5 giorni cinque bar della città

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento