Coronavirus, "Fase 2": i parrucchieri de "La Dolce Vita" si incatenano per protesta

Dopo gli annunci di Conte i titolari del punto estetica di Corso Milano sono scesi in strada e hanno organizzato una manifestazione. Con loro la consigliera Vanda Pellizzari

Lunedì mattina, dopo il discorso del premier Giuseppe Conte che domenica sera ha illustrato la Fase 2 per l'emergenza Coronavirus, il titolare del salone, parrucchiere e centro estetico "La Dolce Vita" di corso Milano si è incatenato simbolicamente all'esterno del proprio negozio di Corso Milano. 

La manovra economica

«Ha il fegato di dire di aver fatto una manovra economica eccezionale - attacca Agostino Da Villi, titolare assieme al socio Stefano Torresin di “La dolce vita” in Corso Milano - Abbiamo 20 mila euro di spese fisse al mese e il governo ci vuole dare 600 euro?”. I due soci sono furiosi e i loro occhi al di sopra della mascherina mandano scintille. “Abbiamo 4 dipendenti in cassa integrazione - riferisce Torresin - Noi parrucchieri siamo abituati a lavorare secondo le norme di igiene e abbiamo tutto il materiale per riprendere: visiere, camici, guanti, gel igienizzante. Conte vuole farmi credere che un locale di cento metri quadri con due lavoratori e due clienti è meno sicuro di un autobus con 20 persone?». Alla loro protesta si è aggiunto il presidente dell’Associazione commercianti del centro di Padova, Massimiliano Pellizzari, che ha evidenziato come «Tre mesi di chiusura per un negozio significa essere portati alla disperazione. In quella commissione di esperti - aggiunge - ci vorrebbe un virologo in meno e un imprenditore in più».

Solidarietà

«Solidarietà agli amici Stefano ed Agostino che, come tutti gli altri parrucchieri, estetisti , hanno avuto il “gradito dono” da parte del Presidente Conte, della impossibilità di aprire le loro attività, pur nel rispetto delle regole anti contagio Coronavirus.Ancora un mese di chiusura e con questo fanno 3 mesi. Signor Presidente, si rende conto che le partite IVA non possono più aspettare? Siamo solo all’inizio di una serie di proteste che , se non saranno ascoltate, potrebbero sfociare in veri e propri tumulti popolari», ha commentato Vanda Pellizzari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Parrucchieri 2-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: primo caso di alunno positivo nel Padovano, classe e docenti in isolamento

  • Voto, ecco i dati di affluenza a mezzogiorno

  • L’amore trionfa: sistemato a tempo di record il murale di Kenny Random imbrattato nella notte

  • Kenny Random, imbrattato il murale più fotografato di Padova

  • Live - Subito una classe isolata, tamponi a tappeto e didattica a distanza

  • È vero che i farmaci generici sono uguali a quelli di marca?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento