Azienda Ospedaliera: ritorno alla normalità con molte cautele, premiati i medici con una serigrafia di Alessio B

Flor: «Siamo un po' fuori dall'emergenza ma è importante il rispetto dei controlli per la nostra sicurezza. Per accedere agli ospedali a fare i tamponi serve l'impegnativa»

C'erano tutti i direttori delle strutture impegnati in prima fila nella gestione dell'emergenza Covid per dire grazie a tutti i collaboratori, medici, infermieri e personale sanitario, che hanno lavorato in prima fila all'interno dell'Azienda Ospedaliera di Padova. Lo street-arter Alessio B ha regalato una serigrafia con l'ormai nota immagine dell'infermiere con la mascherina.

Ritorno alla normalità

Il direttore generale Luciano Flor ha sottolineato: «Siamo un po' fuori dall'emergenza ma è importante il rispetto dei controlli per la nostra sicurezza. Per accedere agli ospedali a fare i tamponi serve l'impegnativa del medico. E' uscita la notizia che le case di riposo dovranno pagare i tamponi. Assicuro a tutti che non saranno a carico loro. L'attività negli ospedali sta riprendendo in maniera più tranquilla, siamo meno timorosi».

I numeri

Il direttore sanitario Daniele Donato ha poi snocciolato gli ultimi numeri: «Le tende del triage restano attivi, ad oggi abbiamo fatto oltre 186mila tamponi di cui 4776 sono risultati positivi, ma solo nove negli ultimi giorni. Ai dipendenti sono stati fatti quasi 29mila tamponi e l'ultimo caso di contagio risale all'8 maggio. I numeri degli accessi in ospedale e nei pronto soccorso sono tornati quasi a prima dell'emergenza: , 4216 prestazioni, 232 atti operatori e prelievi 420 al giorno. Negli ultimi 6 giorni sono stati fatti 6 trapianti rene di cui uno da vivente e attivi ora 2 trapianti di fegato». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Crisanti

Tutti i direttori dei dipartimenti sono stati premiati con una serigrafia dell'artista padovano Alessio B. Andrea Crisanti ha spiegato che: «E' un momento di speranza dato che i casi diminuiscono ma non si può avere speranza senza prepararci al peggio. Abbiamo potenziato la nostra capacità di reazione e siamo passati da 20mila esami al mese a 100mila al mese».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Formaggi a Villa Contarini, giardini aperti, visite, spettacoli e sagre: il weekend a Padova

  • Focolaio all'asilo notturno del Torresino: 30 positivi al covid su 82 ospiti

  • Occhio al semaforo: attivata la sperimentazione di un nuovo T-Red a Padova

  • Perde il controllo della sua barca dopo un'onda anomala: muore idraulico padovano

  • I cani da adottare a Padova: tutti i cuccioli da accogliere in casa

  • Focolaio del Torresino: una persona positiva tenta la fuga, le forze dell'ordine lo bloccano (Video)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento