Cronaca

Quarantaseienne trovato esanime nel suo appartamento al Portello

A dare l'allarme un'amica che non aveva sue notizie da due giorni. Il personale medico ha ricondotto a probabili cause naturali l’evento della morte

Nella prima mattinata di martedì 5 gennaio, una pattuglia della Sezione Volanti è intervenuta in zona Portello a seguito di una chiamata al 113 da parte di un'amica di un 46enne padovano. La donna era allarmata in quanto l’uomo, benchè il cellulare risultasse acceso, fosse ormai irreperibile da due giorni.

Portello

Gli agenti si sono immediatamente portati presso il domicilio del 46enne, in quanto, da accertamenti, l’ultima cella telefonica agganciata dall’utenza dello stesso, risultava proprio essere quella in prossimità del suo appartamento. I poliziotti hanno fatto accesso all’interno dell’abitazione, trovando l’uomo riverso sul pavimento al piano terra. Oltre ai Vigili del Fuoco e al 118, sul posto è intervenuto personale della Polizia Scientifica ed è stata appurata l’assenza di segnali che potessero far presagire una morte di tipo violento. Il personale medico ha ricondotto a probabili cause naturali l’evento della morte. Constatato pertanto il decesso del 46enne, è stato debitamente informato il Pubblico Ministero, il quale ha disposto l’affido della salma ai famigliari.

[NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO]

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quarantaseienne trovato esanime nel suo appartamento al Portello

PadovaOggi è in caricamento