Il questore uscente Paolo Fassari riceve il Sigillo della città dal sindaco Giordani

La cerimonia ufficiale si è svolta martedì mattina alla presenza del solo prefetto e del presidente della Camera di commercio in osservanza alle norme sanitarie anti contagio

Il momento della consegna del riconoscimento

Una cerimonia solenne in un clima particolare, dettato dall'allerta sanitaria che ha costretto a consentire la presenza di sole quattro persone. Si è tenuta martedì mattina a palazzo Moroni la consegna del Sigillo della città a Paolo Fassari, questore uscente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La cerimonia

«Questa onorificenza vuole essere un segno concreto di ringraziamento e apprezzamento per il lavoro svolto a Padova in questi due anni e mezzo dal questore - ha spiegato il primo cittadino -. Anche grazie al suo impegno è diventato realtà il progetto della nuova questura che sorgerà in via Anelli ed è stato aperto il nuovo Ufficio immigrazione alla Stanga. Inoltre è stato messo a punto il protocollo del “Controllo di vicinato” che ha creato una proficua collaborazione tra i cittadini e le forze dell’ordine». Davanti al prefetto Renato Franceschelli e al presidente della Camera di commercio Antonio Santocono, tutti muniti di mascherine, Fassari ha ricevuto il prestigioso riconoscimento per aver «Affrontato la gestione di tutti quei fenomeni sociali che caratterizzano le grandi città, con buon senso e pragmatismo - ha aggiunto Giordani -. Con Paolo Fassari non solo io, ma tutte le istituzioni cittadine, abbiamo avuto un ottimo e proficuo rapporto di collaborazione e la sua improvvisa partenza dispiace sinceramente. Personalmente sono molto grato dell’amicizia che mi ha accordato, grazie alla quale ho potuto apprezzare meglio le sue doti umane e professionali. Padova lo ringrazia e non mancherà di accoglierlo con amicizia quando i suoi impegni gli permetteranno di ripassare nella nostra città». La notizia del trasferimento di Fassari, che è stato inviato a Roma al Dipartimento di pubblica sicurezza, è giunta inaspettata nella tarda serata del 25 marzo. A suo posto si insedierà nei prossimi giorni Isabella Fusiello che fino a metà febbraio ha guidato la questura di Potenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Questa cosa non dura due settimane, abbiamo un progetto che arriva a maggio 2021»

  • Coronavirus, il prof. Ursini difende Andrea Crisanti: «Parole sgradevoli dal professor Palù»

  • Caccia senza licenza e in giorno di silenzio venatorio: denunciato 71enne

  • Live - Nuovo Dpcm in arrivo nel weekend: si va verso il coprifuoco

  • Coronavirus, Zaia: «Ho l'impressione che questo Dpcm sia solo un "riscaldamento a bordo campo"»

  • A piedi lungo la tangenziale, giovane viene investito all'alba: è grave

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento