Raccolta differenziata, De Vizia cede le attività a favore di Sesa: i sindacati "vigilano"

Comunicato congiunto di Fp Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Fiadel: "Servono chiarimenti su come avverrà il passaggio dei 130 lavoratori interessati"

La notizia era già nell'aria. Ora, però, ha i crismi dell'ufficialità: la De Vizia Trasfer Spa, azienda legata allo smaltimento dei rifiuti nel territorio padovano, ha comunicato la cessione delle attività (a partire dal primo giugno) a favore di Sesa Spa. E i sindacati annunciano la loro opera di "vigilanza" per tutelare i 130 lavoratori coinvolti.

Il comunicato

Questo il comunicato congiunto redatto e firmato dalle segreterie territoriali di Fp Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Fiadel: "Nei giorni scorsi, in occasione di un incontro avvenuto, su richiesta della RSU, presso la De Vizia Trasfer spa, l’azienda ha comunicato la cessione delle attività svolte nei territori del Nord- Est, con decorrenza dal 01/06/2018, a favore di Sesa spa. Vista la vastità e complessità dei servizi svolti dall’azienda Campana, che opera in più Province e con diversi Committenti (appalti di Etra, appalti ex Padova Tre, nonché appalti di singoli comuni come Albignasego) abbiamo chiesto chiarimenti circa il mantenimento delle quote nelle ATI esistenti (associazione temporanea di impresa) e precisazioni circa le modalità con cui avverrà il passaggio dei lavoratori interessati, circa 130, operanti dagli attuali siti De Vizia di Monselice, Merlara e Castelfranco Veneto, che vanno mantenuti. In modo particolare se il passaggio dei lavoratori avverrà ai sensi dell’art. 2112 del C.C. (cessione/trasferimento di ramo d’azienda), ovvero in caso di recesso dalle ATI ex art. 6 del CCNL FISE. Può sembrare un tecnicismo, ma, fermo restando la salvaguardia dei livelli occupazionali, certamente il contratto FISE è più efficace, attraverso la clausola sociale, per la tutela dei diritti degli addetti. La società si è riservata di fornire i necessari chiarimenti nei prossimi incontri. In un incontro successivo, avvenuto in Etra, su nostra richiesta l’Azienda in ordine a questo specifico punto, ha affermato che per i servizi di Etra il passaggio dei lavoratori avverrà attraverso il succitato art. 6. Data la complessità della vicenda riteniamo necessaria, in questa fase, una certa cautela sin quando non saranno fornite tutte le informazioni necessarie. Da parte nostra ci sarà il massimo impegno per la più ampia tutela dei lavoratori impiegati in un servizio pubblico essenziale quale l’igiene urbana. Vigileremo anche coinvolgendo le Istituzioni Competenti".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro: muore l'imprenditore Tiziano Faccia, fratello dei Serenissimi del Tanko

  • Trova un rotolo di banconote per terra e lo consegna alla polizia locale: succede nell'Alta

  • Violento schianto contro un platano: conducente estratto dalle lamiere e trasportato in ospedale

  • Giallo ai piedi della Specola, due cadaveri in casa: sono due fratelli

  • Colpo grosso al centro commerciale: rubato materiale tecnologico per 30mila euro

  • Linea Verde fa tappa a Padova: il fiume Brenta e la zona del Piovese protagonisti su Rai 1

Torna su
PadovaOggi è in caricamento