rotate-mobile
Sabato, 13 Aprile 2024
Cronaca Legnaro

«Il materiale è stato lasciato incustodito, non ho rubato nulla»: il racconto

Parla uno dei due denunciati per appropriazione indebita di materiale edilizio. «Ho chiesto più volte che il costruttore tornasse a prenderlo e non ho mai avuto risposta»

«Non ho rubato nulla. Quel materiale è stato lasciato lì dal costruttore per più di un anno, ho chiesto tantissime volte di portarlo via e non ho mai ottenuto risposta». L’agente immobiliare di Polverara racconta la sua versione dei fatti riguardo la denuncia di appropriazione indebita.

Il racconto

L’uomo è stato denunciato assieme a un’altra persona per essersi appropriato indebitamente di materiale edilizio. Ma le cose, spiega alla Redazione di PadovaOggi, stanno diversamente. «Tutto comincia quando stavo lavorando su un terreno a Legnaro – racconta l’uomo – Ho costruito due edifici per poi venderli e l’impresa costruttrice alla quale mi sono appoggiato aveva avanzato del materiale. Lo aveva lasciato in cantiere incustodito e più volte ho chiesto di venirlo a prendere: non potevo vendere l’immobile con tutto quel materiale lasciato lì». Le sue richieste non vengono ascoltate. Più volte chiama il titolare dell’impresa ma questi non gli ha mai risposto. «A quel punto ho chiesto a una persona, l’altro denunciato, di aiutarmi a spostarlo su un altro terreno di mia proprietà – spiega l’agente immobiliare – L’ho pagato con regolare fattura e ho inviato una pec al costruttore spiegando cosa avevo fatto, dove avevo portato il materiale e ho nuovamente chiesto di venirlo a prendere. Niente». Poi è piovuta la denuncia. «Ai carabinieri ho consegnato tutto, i messaggi, le telefonate, la pec. Piena disponibilità. Non ho fatto nulla di male, anzi, ho fatto tutto il possibile perché la persona in questione tornasse in possesso del materiale in questione. Ora che le cose sono chiarite saranno i legali a prendere in mano la situazione». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Il materiale è stato lasciato incustodito, non ho rubato nulla»: il racconto

PadovaOggi è in caricamento