Sgominata banda di rapinatori di banca in trasferta da Napoli: un colpo anche nel Padovano

L'indagine è partita dalla rapina al Banco Desio a Bologna. Al gruppo viene contestato anche un colpo del 2019 avvenuto nella provincia di Padova

La squadra mobile della questura di Bologna ha eseguito sette ordinanze di custodia cautelare emesse dal Gip presso il tribunale di Bologna nei confronti di altrettanti personaggi napoletani specializzati nelle rapine presso istituti di credito. L’indagine condotta dalla sezione reati contro il patrimonio della squadra mobile, ha avuto inizio nel maggio dello scorso anno a seguito di una rapina ai danni della filiale del Banco Desio a Bologna.

Le rapine

Nell’occasione, tre uomini, dopo aver immobilizzato e rinchiuso all’interno di un locale tutti i dipendenti della banca ed i vari clienti che erano presenti all’interno, avevano costretto il direttore a farsi consegnare la somma di 60mila euro. L’attività di indagine condotta dagli investigatori della questura di Bologna, ha consentito di identificare tutti i componenti della banda riuscendo ad attribuire almeno altre 2 rapine commesse a Piacenza ed a Padova.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La banda

Definiti e precisi i ruoli di ciascun appartenente al sodalizio criminoso: due di loro, residenti nella città di Parma, erano incaricati di individuare i possibili obiettivi e fornire al resto della banda appoggio logistico; una volta individuato l’obiettivo, gli altri appartenenti al gruppo criminale partivano da Napoli per definire gli ultimi particolari: modalità di accesso all’interno della banca, individuazione di possibili vie di fuga, definizione dei vari ruoli, tra i quali non mancava quello fondamentale di colui che entrava per primo a volto scoperto all’interno dell’istituto di credito per favorire l’ingresso degli altri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: primo caso di alunno positivo nel Padovano, classe e docenti in isolamento

  • Crisanti smentisce Zaia: «Il modello Veneto è merito dell'Università di Padova»

  • L’amore trionfa: sistemato a tempo di record il murale di Kenny Random imbrattato nella notte

  • Kenny Random, imbrattato il murale più fotografato di Padova

  • Live - Subito una classe isolata, tamponi a tappeto e didattica a distanza

  • È vero che i farmaci generici sono uguali a quelli di marca?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento