menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Far west in città: finti poliziotti rapinano un'anziana e scatta l'inseguimento in strada

Tutto è iniziato nel parcheggio de La Corte dove due uomini hanno rubato l'auto e la borsa di una donna. Catturati alla Stanga dopo un inseguimento, in casa c'erano le prove del reato

L'hanno distratta, malmenata e le hanno rubato l'automobile prima di essere inseguiti e fermati a qualche chilometro di distanza. Si è conclusa con un arresto e una denuncia la rapina ai danni di una anziana donna fuori da un noto centro commerciale.

La rapina

I fatti risalgono a martedì 17 febbraio. Sono le 18.45 quando una 72enne padovana, terminate le compere al supermercato, è uscita dal centro commerciale La Corte di Mortise per raggiungere la propria Fiat Panda. Nel parcheggio, mentre la donna è intenta a caricare i sacchetti nel bagagliaio, la avvicinano due uomini che affermano di essere due poliziotti e sostengono di dover controllare il veicolo, che sarebbe stato preso di mira dai ladri mentre la proprietaria era dentro il supermercato. I due malviventi hanno approfittato del momento di confusione della signora per spintonarla e rubarle le chiavi, salendo sull'auto e allontanandosi.

L'inseguimento

La donna, terrorizzata, ha chiamato la polizia che è giunta sul posto per soccorrere la vittima e raccoglierne la testimonianza. In base alla descrizione dei due rapinatori, tutte le pattuglie del territorio sono state messe in allerta per rintracciare la Panda azzurra. Alle 23 la vettura è stata avvistata in via Longhin e il conducente, accortosi della volante, ha tentato la fuga per le vie limitrofe zigzagando tra le altre auto a velocità sostenuta. L'inseguimento, che ha impiegato diverse pattuglie, è finito in via San Fidenzio, dove i due ricercati sono stati catturati. Alla Panda i malviventi avevano cambiato le targhe, sostituendole con quelle rubate poco prima da un'altra macchina in sosta. Di lì il sospetto che il furto a La Corte servisse a procurare un veicolo da usare per commettere altri reati.

La perquisizione

Alla guida dell'auto c'era G.O., 41enne padovano e già noto alle forze dell'ordine, ex barista ed ex ultras del Calcio Padova colpito dal daspo nel 2005. Insieme a lui un altro padovano 59enne, al momento senza fissa dimora. Al fermo è seguita una perquisizione nella casa del 41enne, dove gli agenti hanno recuperato le targhe della Fiat rubata e la borsetta dell'anziana rapinata. Nell'abitazione è stata trovata anche una pistola giocattolo senza il tappo rosso previsto per legge e un passamontagna ricavato da un berretto di lana, oltre a un computer portatile risultato rubato. Nascosto dietro la vicina pensilina dell'autobus c'era anche il cellulare rubato in serata alla donna, di cui i malviventi avevano cercato di disfarsi per non essere rintracciati.

Le accuse

Il 41enne è stato arrestato per rapina e denunciato in stato di libertà per ricettazione, stesso reato per cui è stato indagato anche il suo complice. L'ex ultras si trova ora nel carcere di Padova.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento