menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La chiesa di di San Giovanni Battista di Chioggia e don Mario Pinton

La chiesa di di San Giovanni Battista di Chioggia e don Mario Pinton

Parroco minacciato e rapinato con un coltello: preso il malvivente

Prima fa irruzione in canonica armato poi fugge con l'auto rubata, provoca un incidente e viene individuato barcollante a bordo strada. Denunciato un 29enne di Pontelongo

Nel cuore della notte tra mercoledì e giovedì, don Mario Pinton, 80enne, prete della parrocchia di San Giovanni Battista di Chioggia (Venezia), è stato svegliato dall'irruzione in canonica di uno sconosciuto che, armato di coltello da cucina, pretendeva dei soldi.

FURTO. Don Mario, preso di soprassalto, ha spiegato al malvivente che non aveva nulla da dargli ma il ladro non ha voluto sentir ragione. I toni si sono fatti accesi e ne è nata una collutazione durante la quale il prelato è riuscito a disarmare il malvivente. Prima di darsi alla fuga lo sconosciuto ha rubato un paio di telefoni e le chiavi dell'auto di don Mario con la quale si è dileguato.

AUTO ABBANDONATA. All'altezza di Rosara di Codevigo il malvivente ha abbandonato l'auto in mezzo alla strada e ha proseguito la fuga a piedi. Qualche minuto dopo un'automobilista in transito al volante di una Lancia Y, complice anche la nebbia, si è schiantato contro l'auto lasciata incustodita.

UOMO A PIEDI. Sul posto per i rilievi sono intervenuti gli agenti della polizia stradale di Piove di Sacco che attraverso la targa della Punto sono risaliti all'intestatario dell'auto, ovvero don Pinton. Nel fare rientro verso il commissariato i poliziotti si sono imbattuti in un uomo a piedi, barcollante.

DENUNCIA. L'uomo è stato fermato e trovato in possesso dei cellulari e di una teca per le ostie, sottratti poco prima al sacerdote. Gli agenti hanno subito collegato la rapina al fermo ed hanno accompagnato il sospettato al commissariato di Chioggia (Venezia). Il malvivente è stato identificato in A.M. marocchino 29enne residente a Pontelongo, e riconosciuto da don Mario come lo sconosciuto che aveva fatto irruzione in canonica. Nonostante questo,  il nordafricano è stato solo denunciato per ricettazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento