menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

San Giorgio in Bosco, finge un'aggressione per giustificare l'assenza dal lavoro

La donna, una 43enne di Cittadella, ha raccontato di essere stata minacciata con un coltello e buttata a terra da due individui con il passamontagna intenzionati a estorcerle denaro

Era già stata assente al lavoro per malattia e non aveva il coraggio di dire ai datori di lavoro che era di nuovo malata, così ha pensato di inventare un'aggressione. E' accaduto lunedì a San Giorgio in Bosco, dove la donna ha raccontato di essere stata minacciata e buttata a terra da due malviventi

LA FINTA RAPINA. G.L., operaia 43enne di Cittadella, ha raccontato ai carabinieri di essere stata avvicinata, mentre andava al lavoro in bicicletta, da due uomini travisati con il passamontagna e armati di coltello, che le avrebbero intimato di consegnare il denaro che aveva con sé. Alle resistenze della donna i due avrebbero risposto spingendola con forza a terra e dileguandosi a bordo una Fiat Punto bianca. Troppe incongruenze, però, nella storia della donna, che è stata smascherata dai carabinieri della stazione di Tombolo. Dovrà rispondere di simulazione di reato. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Il Sant'Antonio di Evyrein compare in centro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento