Rapina in villa, ex coniugi legati e immobilizzati dalla banda. Cercavano la cassaforte

Quattro banditi hanno assaltato una villetta dell'Alta la notte tra domenica e lunedì. Legati e bloccati un uomo e una donna, che sono poi riusciti a liberarsi e chiedere aiuto

I carabinieri durante il sopralluogo nella villetta

Attimi di autentico terrore. Legati alle sedie, impotenti davanti alle minacce dei banditi, soli. É successo nella tarda sera di domenica a Campodoro, dove si è consumata una rapina in villa.

L'assalto

Stando a quanto ricostruito dai carabinieri grazie alle testimonianze delle vittime, l'assalto sarebbe scattato alle 23.30. Obiettivo una villetta al civico 51 di via Municipio a Campodoro. Lì vive una donna di 69 anni: i figli si sono trasferiti altrove e da qualche tempo ha divorziato dall'ex marito, con cui ha però buoni rapporti e che spesso torna nella casa di famiglia. Lo ha fatto anche domenica sera e mentre era stava entrando ha sorpreso due banditi che tentavano di forzare un portone. Cercare di scacciarli è stato inutile, perché i due lo hanno spinto all'interno con l'aiuto di altri due complici.

Il colpo

Trovata anche la donna che era accorsa sentendo gli strani rumori all'ingresso, i rapinatori hanno legato entrambi, immobilizzando i polsi della coppia con delle fascette da elettricista. Nel frattempo gli intimavano di dire dove si trovasse la cassaforte. Richieste vane, perché in quella casa non c'era alcun tesoro nascosto e nessuna cassaforte. Quando hanno capito che i coniugi stavano dicendo la verità, hanno arraffato circa mille euro in contanti recuperati dai portafogli dei due malcapitati e sono scappati abbandonandoli legati alle sedie.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini

Solo un paio d'ore dopo la coppia è riuscita a liberarsi. Terrorizzati, hanno avvisato i carabinieri arrivati sul posto alle 2 del mattino. Secondo il racconto delle vittime i predoni erano almeno quattro. Forse erano arrivati solo per tentare un furto pensando che la casa fosse vuota. Forse hanno colto al volo l'occasione del rientro inaspettato dell'uomo. O forse era un piano premeditato. A queste e molte altre domande stanno cercando di rispondere gli inquirenti, che hanno avviato una caccia all'uomo in tutta l'Alta. Occhi puntati in particolare sul veicolo usato per scappare, che potrebbe essere stato immortalato da qualche telecamera.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Live - Nuovi contagi anche nel Padovano, Luca Zaia avverte: «C'è poco da scherzare»

  • Coronavirus, Zaia: «Nuovi positivi e isolamenti, indicatori non buoni: siamo nella "fase limbo"»

  • Coronavirus, Zaia: «Siamo tornati da rischio basso a rischio elevato, lunedì inaspriamo le regole»

  • Rovesci e forti temporali in arrivo in tutto il Veneto: "allerta gialla" della Protezione Civile

  • Pauroso incendio in un complesso residenziale: fiamme domate dai pompieri dopo ore

  • Dramma domenica mattina alle Terme: spara alla moglie e poi si uccide

Torna su
PadovaOggi è in caricamento