menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rapinatore fermato, per la polizia 52enne è l'autore di tutti i 6 casi

Pierluigi C. potrebbe aver colpito anche in altre occasioni, la squadra mobile di Padova ha deciso di diffondere le foto dell'aggressore per favorire il riconoscimento da parte delle vittime di altri eventuali episodi

La squadra mobile non ha dubbi, tutto fa pensare che il 52enne Pierluigi C. - fermato nella notte fra martedì e mercoledì dopo l'ultima rapina violenta nei confronti un 72enne in via San Biagio - sia l'autore di tutti i colpi della stessa matrice registrati in città nell'arco di un mese. Nuovi indizi avvallano la tesi degli inquirenti, per questo giovedì mattina il questore, Vincenzo Montemagno, ha fatto sapere che l'uomo sarà deferito all'autorità giudiziaria per tutte e sei le rapine violente, e non solo per l'ultima, l'unica ad essere stata per ora confessata dal colpevole. Attesa per venerdì la convalida del fermo, spetterà poi alla magistratura decidere come procedere. Alle spalle del 52enne ci sono già 24 anni di carcere.

IL FERMO NELLA NOTTE: Polizia blocca un 52enne - LE INDAGINI: Polizia a caccia di indizi per attribuire tutti i colpi al femato

TUTTE LE RAPINE: 5 novembre - 29 ottobre - 25 ottobre - 12 ottobre - 7 ottobre - 5 ottobre

IL VIDEO: Le telecamere riprendono il rapinatore mentre precede una delle vittime

APPELLO AD ALTRE EVENTUALI VITTIME. Ma non è tutto. Gli inquirenti infatti ipotizzano che il 52enne possa essersi reso responsabile di altri colpi, finora non ricondotti a lui. Da qui la decisione di diffondere la foto segnaletica del rapinatore che potrebbe essere riconosciuto da eventuali altre vittime con testimonianze che andrebbero ad arricchire il quadro probatorio. Nelle immagini della polizia è stato messo in evidenza anche il vestiario e la borsa indossati dall'uomo. Intanto mercoledì l'anziano aggredito in via San Biagio ha identificato con certezza il suo aggressore. Come risulta dal video registrato dalle telecamere di sorveglianza poco prima dell'ultimo colpo, il rapinatore ha preceduto di qualche metro la sua vittima prima di appostarsi e bastonarlo alle spalle, il 72enne ha avuto modo quindi di notarlo mentre camminava davanti a lui.

INDIZI DAI TABULATI TELEFONICI. A stringere il cerchio intorno all'uomo fermato dagli agenti della squadra mobile ci sono le analisi dei tabulati telefonici. Negli orari in cui hanno avuto luogo le rapine, puntualmente, il cellulare del 52enne è risultato agganciato, volta per volta, alle celle delle zone dove si sono verificati i fatti. Insomma, arco temporale e posizione coincidono, per tutti i sei casi: un elemento chiave che ha contribuito a dare una svolta alle indagini.

IL COMMENTO DEL SINDACO ROSSI: "A Padova non c'è spazio per l'impunità"

IL COMMENTO DEL QUESTORE. Durante un incontro con la stampa il questore ha manifestato il suo apprezzamento per il lavoro corale che ha portato alla cattura del responsabile. "Con questo risultato - ha detto Montemagno - abbiamo ripristinato il rapporto di fiducia e sicurezza che in città era stato incrinato da questi sei episodi delittuosi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento