menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Finito l'incubo delle prostitute, in manette "clienti" rapinatori seriali

Agivano a Vigodarzere e in zona industriale a Padova a bordo di una Renault Megane rossa. Uno le adescava, l'altro spuntava dal bagagliaio. Arrestati 2 giovanissimi di 23 e 24 anni, Vladimir G.e Matteo G.

Sono finiti in manette i rapinatori “seriali” delle prostitute che avevano imperversato tra i mesi di giugno ed agosto, diventando un vero incubo per le meretrici nella zona di Vigodarzere e dell’area industriale.

arrestato-5-7GLI ARRESTATI. I due individui, Vladimir G., 23enne di origini haitiane, residente Padova, e Matteo G., 24enne italiano, residente ad Albignasego, sono stati fermati nelle ultime ore dagli agenti della polizia di stato a Padova. Si tratta di due giovanissimi, già noti alle forze dell'ordine e ritenuti responsabili di ben quattro episodi. Il primo, il 10 luglio a Vigodarzere, poi lo scorso 12 luglio in via Pontevigodarzere sul lungargine Muson, e, ancora, il 31 luglio in via Venezia e il 2 agosto ad Albignasego, in strada Battaglia.

LA "TECNICA". Si muovevano a bordo di una Renault Megane rossa, caricavano le ragazze, fingendosi clienti, per poi rapinarle, previe minacce e percosse. Uno dei due, solitamente nascosto nel portabagagli, interveniva in un secondo momento, comparendo di sorpresa sui sedili posteriori. Alcune ragazze erano persino dovute ricorrere alle cure mediche in ospedale. Il 23enne era stato protagonista di un incidente, proprio alla guida dell'auto incriminata, postando su Facebook le foto del mezzo, motivo per cui nell'ultimo periodo non si erano verificati altri episodi.

arrestato2-4L'ARRESTO. La squadra mobile di Padova, coordinata dal Pm euganeo Vartan Giacomelli, ha raccolto tutti gli elementi necessari al gip Domenica Gambardella per emettere una misura cautelare in carcere a carico di entrambi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento