rotate-mobile
Cronaca Noventa Padovana

Residenza fittizia per ottenere il reddito di cittadinanza: già segnalati più di cento casi

Il mantenimento della residenza da parte di tali soggetti aveva come obiettivo l'acquisizione del reddito di cittadinanza, l'elusione dei controlli fiscali, il sottrarsi al rintraccio da parte delle forze di Polizia e il tentativo di evitare la notificazioni di decreti ingiuntivi da parte degli uffici finanziari dell'amministrazione dello Stato

Importante attività di accertamento da parte della polizia locale di Noventa Padovana, atta a contrastare l'acquisizione di residenze fittizie da parte di cittadini nel territorio noventano: dopo attenti ed accurati servizi sono già un centinaio le persone segnalate al settore demografico del Comune ai fini della cancellazione dall'anagrafe della popolazione residente.

I fatti

Se in alcune fattispecie sono stati individuati nominativi di singoli soggetti in altre circostanze sono stati scoperti interi nuclei familiari inesistenti che grazie talvolta alla compiacenza dei nuovi inquilini si sono resi irreperibili al fine di eludere i controlli. Dalle informazioni acquisite nel corso degli accertamenti è emerso che il mantenimento della residenza da parte di tali soggetti aveva come obiettivo l'acquisizione del reddito di cittadinanza, l'elusione dei controlli fiscali, il sottrarsi al rintraccio da parte delle forze di Polizia e il tentativo di evitare la notificazioni di decreti ingiuntivi da parte degli uffici finanziari dell'amministrazione dello Stato.
Delle persone segnalate il 30% riguarda cittadini di nazionalità italiana mentre il 70% riguarda cittadini di nazionalità straniera suddivisi in numero maggiore tra Cina, Romania, Moldavia, Nigeria e Marocco e in numero inferiore tra Croazia, Albania e Bangladesh. «L’attività nonostante abbia già dato numeri significative - riferisce il Comandante Vice Commissario Mario Carrai - proseguirà nei prossimi mesi a beneficio, tra le altre, dei cittadini rispettosi delle regole». Il sindaco Marcello Bano raggiunto al telefono: «Mi complimento con il Comandante per l'efficacia dei controlli posti in essere e la qualità del servizio reso alla collettività di Noventa Padovana». Gli fa eco l'assessore alla polizia locale Nicola Cannistraci: «Se il rispetto delle regole sta alla base della convivenza tra persone, l'azione perpetrata dagli uomini del Comando di Polizia Locale serve a rendere giustizia specie nei confronti dei cittadini onesti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Residenza fittizia per ottenere il reddito di cittadinanza: già segnalati più di cento casi

PadovaOggi è in caricamento