menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La vittima Renzo Menin in uno scatto recente (fonte: Facebook)

La vittima Renzo Menin in uno scatto recente (fonte: Facebook)

Debito con Equitalia di 117mila euro, ex imprenditore suicida nel canale

Un 60enne di Rubano, Renzo Menin, oggi è stato trovato morto annegato in località ponte Stocco a Padova. Ieri pomeriggio si era recato negli uffici della società di riscossione. Ha lasciato dei biglietti per familiari e amici

È stato ripescato quest'oggi intorno alle 12.30 il cadavere di Renzo Menin, 60 anni, ex imprenditore residente a Rubano. L'uomo era sparito da casa ancora ieri sera dopo che, nel pomeriggio, secondo quanto riferito dalla stessa Equitalia (leggi qui il comunicato ufficiale) si era recato nella sede di Padova per "esaminare la sua posizione e avere informazioni sulla rateizzazione" del suo ingente debito con lo Stato - 117 mila euro - "sommatoria di importi mai saldati" per la sua pregressa attività di agente di commercio.

IMPRENDITORI PADOVANI SUICIDI: TUTTI GLI ARTICOLI

L'AUTO ABBANDONATA. Da ieri i familiari, preoccupati perchè lo avevano notato particolarmente provato per la situazione finanziaria che gli si prospettava, e che non lo avevano più visto rincasare, avevano allertato le forze dell'ordine. Era stato il cognato a chiamare il 112. I carabinieri, intercettata la sua Hyundai abbandonata in via Treponti lungo l'argine del Bretella ai confini di Padova con Sarmeola, avevano avviato le ricerche dei sommozzatori lungo il percorso del fiume.

IERI A NOVENTA: GENITORI LITIGANO, 15ENNE SCAPPA DA CASA ANNUNCIANDO SUICIDIO

I BIGLIETTI E IL RINVENIMENTO DEL CORPO. All'interno dell'abitacolo, più di un biglietto scritto a penna dall'uomo e dal contenuto che lasciava ben pochi dubbi sull'intento suicida. "Ho capito di aver sbagliato mettendomi in proprio. E questa è stata la mia rovina" ha scritto in un passaggio di uno dei messaggi, mentre in un altro ha firmato una sorta di testamento d'affetto alla sua famiglia e agli amici che ha voluto elencare uno ad uno. Il corpo esanime è stato rinvenuto poco lontano dalla macchina, all'altezza della località di Ponte Stocco. L'uomo, secondo le prime indiscrezioni, fino ad alcuni anni fa gestiva un noto negozio sportivo a Sarmeola. Attualmente risultava invece impiegato come portinaio nella sede del Cuamm (Medici con l'Africa) di Padova.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Superenalotto: vincite a Noventa Padovana e a Este

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento