Cronaca Strada Provinciale 77

Riapre la strada “di Costigliola” Era franata nel febbraio 2014

È stata ripristinata la provinciale 77 dopo il dissesto idrogeologico avvenuto nell'inverno del 2014 a Rovolon. I lavori sono costati alla Provincia 200mila euro

L'inaugurazione della strada provinciale

Dopo la frana che l’aveva danneggiata nel febbraio 2014, rendendola inutilizzabile, è stata riaperta a Rovolon la strada provinciale 77 “di Costigliola”. Lo studio idrogeologico aveva evidenziato che le cause del dissesto erano dovute in particolare al terreno limoso e argilloso con bassa permeabilità, ad insufficienti sistemi di drenaggio, ad un’inadeguata rete di tubazioni che collegano le acque provenienti a monte della strada con quelle a valle (la strada ha fatto anche da sbarramento), la bassa inclinazione del pendio che provoca una maggiore infiltrazione delle acque e una non corretta gestione del suolo per la presenza di terreno incolto e vegetazione arborea spontanea.

RESTITUITA VIABILITA'. "Oggi – ha detto il presidente della provincia Soranzo - è un momento felice perché viene riaperta una strada che restituisce la viabilità ai residenti e soprattutto consente un collegamento importante per le attività di ristorazione che sono l’anima di questo territorio. A seguito dello studio idrogeologico commissionato dal comune di Rovolon, nel febbraio scorso è iniziata la seconda serie di interventi a carico della provincia di Padova. Questi sono compatibili con le ulteriori opere che, in futuro, dovranno essere eseguite dalla Regione, dal Parco Colli e dall’amministrazione comunale per stabilizzare l’intero versante del monte e mettere definitivamente in sicurezza il movimento franoso che interessa l’area".

COSTI. I lavori sono stati eseguiti dalla ditta “Marini Ermenegildo Spa” di Rubano che si è aggiudicata il bando relativo ai “lavori di pronto intervento per la sistemazione di dissesti idrogeologici - bilancio 2012”.  La provincia di Padova ha eseguito lavori di manutenzione straordinari per un importo di circa 200mila euro, reperiti dal capitolo destinato al dissesto idrogeologico e alle frane”.

I LAVORI. Sono stati eseguiti lavori di impermeabilizzazione dei fossati ai lati della SP 77 mediante la posa di canalette prefabbricate, in modo da favorire lo scorrimento delle acque e il loro smaltimento negli appositi scoli. E’ stata creata una trincea rivestita con tessuto non tessuto e riempita di ciottolato con alla base un tubo drenante per la raccolta delle acque di falda provenienti dal versante a monte della strada. Sono stati posti in opera tre pozzettoni di raccolta con le opportune griglie a protezione delle persone e per impedire l’intasamento dovuto a ramaglia e arbusti provenienti dalla scarpata. Sostituiti poi tre attraversamenti stradali con tubi in polietilene di diametro 80 centimetri adatti a sopportare modesti assestamenti del terreno. Inoltre sono stati rifatti piccoli tratti di scoli di adduzione delle acque. Si è provveduto ad eseguire la riasfaltatura dell’intera carreggiata stradale con uno strato di conglomerato di base seguito da uno strato di bynder. Sono state rifatte le banchine e la segnaletica gialla di cantiere. Bisognerà, attendere il riassestamento dei terreni per procedere all’asfaltatura definitiva con il tappeto d’usura.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riapre la strada “di Costigliola” Era franata nel febbraio 2014

PadovaOggi è in caricamento