menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Paolo Maria Scrimin

Paolo Maria Scrimin

Ricerca, a Padova 2,3 milioni euro Coordinerà 7 università europee

Il progetto di studio, finanziato dall'Unione Europea, è incentrato sui sistemi molecolari polivalenti per applicazioni innovative (Multi-App) nella diagnostica medica, terapia e realizzazione di materiali avanzati

L’Unione Europea finanzia un progetto di ricerca da 2,3 milioni di euro dedicato allo studio di sistemi molecolari polivalenti per applicazioni innovative (Multi-App) nell’ambito della diagnostica medica, nella terapia e per la realizzazione di materiali avanzati. Il progetto, coordinato dall'università di Padova, coinvolge un consorzio di sette università europee (tra cui Cambridge e Oxford) e 2 partner industriali (tra cui Philips).

IL 26 SETTEMBRE A PADOVA: La notte europea dei ricercatori

NUOVA GENERAZIONE DI RICERCATORI. "Lo scopo di questo finanziamento è quello di formare una nuova generazione di giovani ricercatori in questo settore scientifico in rapido sviluppo attraverso interazioni con laboratori di eccellenza a livello europeo - dice Leonard Prins, professore associato del dipartimento di Scienze chimiche e coordinatore del progetto, di origini olandesi, è stato in grado di creare questa rete internazionale anche attraverso i suoi rapporti con il suo paese d'origine - Questo progetto mi permetterà di portare a Padova dottorandi stranieri e stabilire collaborazioni scientifiche con i principali gruppi di ricerca in Europa".

MIX DI "TESTE FINI". "Il nostro dipartimento ha accolto con molta soddisfazione l'approvazione di questo progetto di ricerca – sottolinea Paolo Maria Scrimin, direttore di Scienze chimiche dell’università di Padova - Ci permette di cogliere il frutto del forte impegno nostro e di tutto l’Ateneo, per attrarre finanziamenti europei. È di fondamentale importanza per la qualità della ricerca e della didattica stabilire rapporti di collaborazione con le migliori università sia in Europa che nel resto del mondo. Mescolare molte ‘teste fini’ ha sempre effetti moltiplicativi nella qualità della ricerca".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento