menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il pesce ghiacciolo (fonte: Ansa)

Il pesce ghiacciolo (fonte: Ansa)

I pesci "ghiacciolo" dell'Antartide minacciati dal surriscaldamento

Il dato emerge da uno studio dell'Università di Padova sull'evoluzione del genoma di questi particolari esemplari. La ricerca spiega i meccanismi evolutivi che consentono di sopravvivere a condizioni climatiche estreme

Cosa consente ai pesci "ghiacciolo" di sopravvivere alle condizioni climatiche estreme dell'Antartide? A trovare una risposta scientifica alla domanda ci ha pensato un gruppo di ricercatori dell'Università di Padova coordinato dal professor Tomaso Patarnello. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista "Genome Biology and Evolution" e, oltre a spiegare i meccanismi evolutivi del genoma di questi pesci antartici, mette in luce l'attuale minaccia alla loro sopravvivenza rappresentata dai repentini cambiamenti climatici in corso.

L'ALTRA RICERCA MADE IN PADOVA: I PESCI SANNO CONTARE

LA SCOPERTA. "Abbiamo condotto gli studi sul trascrittoma muscolare ovvero l'intero set di geni attivi nel muscolo dei pesci ghiacciolo - spiega Patarnello - evidenziando così la duplicazione di geni che hanno il ruolo di migliorare l'efficienza della produzione di energia, processo molto problematico alle basse temperature. In particolare, i geni duplicati sono coinvolti nel funzionamento dei mitocondri, piccoli organelli cellulari che rappresentano la 'centrale termica ed energetica' di ogni cellula, una sorta di micro generatori biologici il cui ruolo è fondamentale per l'adattamento alle basse temperature". Ora però, secondo i ricercatori "l'aumento della temperatura, soprattutto nelle regioni polari, rischia di compromettere il funzionamento di queste sofisticate 'macchine biologiche' frutto di milioni di anni di evoluzione".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento