Notata dagli agenti della Mobile mentre cerca di vendere gioielli rubati a due pusher: denunciata

Aveva due borse piene di oggetti di valore di cui non ha saputo spiegare la provenienza: oggetti che erano stati rubati la mattina stessa. Gli agenti l'hanno vista cercare di venderne alcuni a due noti spacciatori

Ha riempito due borse con gioielli rubati poco prima a una anziana e ha cercato di vendere qualcosa a degli spacciatori. Un comportamento che non è sfuggito agli agenti della Squadra mobile.

La vicenda

Era la mattina di mercoledì 4 novembre e i poliziotti hanno notato una 26enne bulgara che arrivava di gran carriera da via Donghi, diretta verso la stazione. Si è fermata a confabulare con due noti spacciatori della zona ma ciò che è parso strano era che sembrava fosse lei a voler dar loro qualcosa, non che cercasse droga. Dopo poco si è allontanata ma per evitare che scappasse e non potendo escludere che fosse interessata ad acquistare sostanze stupefacenti, gli agenti l’hanno fermata in via Trieste. La 26enne aveva due borse da donna e cercava di nascondere le mani dietro la schiena, un comportamento che è apparso sospetto. E in effetti alle dita aveva dei costosissimi anelli, uno dei quali d’oro con diamanti, ma non sapeva spiegare la loro provenienza. Così i poliziotti hanno dato un’occhiata nelle borse dove c’erano documenti di un’altra persona e oggetti di valore: anche in questo caso, la 26enne non è riuscita a dare una spiegazione. Quegli oggetti erano stati rubati proprio quella mattina a una 77enne di via Riello che ha riavuto indietro le sue cose. La donna non ha potuto essere accusata di furto perché non c’erano prove a suo carico in merito, però ha ricevuto una denuncia per ricettazione e per violazione del divieto di dimora a Padova.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Ricoveri in ospedale, tutte le province venete in Fase 5 tranne Padova»

  • Femminicidio nella notte a Cadoneghe: uomo uccide la moglie a coltellate

  • «Mi sono addormentato a casa della mia ragazza»: multa di 400 euro per il fidanzato ritardatario

  • Zaia: «Ecco la nuova ordinanza. Ridotta capienza nei negozi e nei centri commerciali»

  • Il Covid si porta via a 67 anni lo storico pasticcere di Mestrino. Morto anche un giovane professore

  • Paolo Mocavero condannato, Roberto Baggio vince anche in tribunale

Torna su
PadovaOggi è in caricamento