rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Cronaca

Rivendevano ricambi per moto rubati, merce sequestrata per 100 mila euro

Due le misure cautelari eseguite dalla guardia di finanza, quattro gli indagati. L'accusa per una coppia di padovani è di ricettazione

Si procuravano pezzi di ricambio rubati e poi li rivendevano online su noti siti di annunci. La guardia di finanza ha eseguito due misure cautelari nei confronti di due padovani.

I fatti

Giovedì 2 dicembre i finanzieri hanno eseguito due misure cautelari nei confronti di una coppia di padovani con l’accusa di ricettazione di ricambi e accessori per moto. Altri due sono indagati. Grazie a un dipendente di una società di logistica che opera proprio nel settore motociclistico riuscivano a rivendere la merce rubata tramite Subito.it e Ebay. Avevano anche provato a dare una parvenza di legalità al commercio creando una ditta individuale con deposito a Padova. I loro traffici sono arrivati anche all’estero, in Giappone e in Australia. Ma i finanzieri li hanno scoperti e hanno attuato anche perquisizioni nelle province di Padova, Venezia e Bologna. Sono stati sequestrati centinaia tra serbatoi, cerchi, forcelle, freni, carene, oltre a una settantina di pezzi tra carene e cupolini con marchio Ducati. Il valore dei beni sequestrati ammonta intorno ai 100 mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rivendevano ricambi per moto rubati, merce sequestrata per 100 mila euro

PadovaOggi è in caricamento