Rischio licenziamento per i dipendenti dell'Itel-Limena: sessanta le lettere già partite

Le problematiche sono iniziate quando è stato perso l’appalto con Enel che rappresenta il 100% del fatturato dell’azienda. Da una settimana i dipendenti sono in sciopero. L'ad risponde: "Ad oggi abbiamo già contrattualizzato circa 30 ex dipendenti di Itel"

Rischiano il licenziamo una sessantina di dipendenti dell’Itel Limena, che fa parte del consorzio triveneto energia che è attivo nel settore degli appalti per l’energia gestiti da Enel. La lettera è arrivata a 50 impiegati a Padova e a una decina di Venezia.

PERDITA APPALTO. Le problematiche sono iniziate quando ad aprile è stato perso l’appalto con Enel che rappresenta il 100% del fatturato dell’azienda. Psc spa che ha preso l’appalto si è offerta di assumere tutti i lavoratori ma senza l’articolo 18, i lavoratori dovrebbero quindi licenziarsi dall’azienda di Limena e venire riassunti in Psc. Già da una settimana i dipendenti sono in sciopero e in stato di agitazione

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I SINDACATI. Gianluca Badoer, della segreteria Fiom Cgil di Padova, spiega:“Ci siamo schierati contro un modo di agire che è grave e vessatorio: da una parte Itel fa ricorso contro Psc, dall'altra trova un accordo per vendere proprio al Psc i suoi mezzi, affittare il capannone di Limena e spingere i lavoratori a firmare contratti individuali senza articolo 18 e con riduzioni salariali significative. Continueremo lo sciopero e ci muoveremo per vie legali così da denunciare tutte le irregolarità che in questi mesi ci siamo trovati a dovere constatare in un cambio di appalto che rischia di mettere in ginocchio oltre 300 famiglie”.

LE MOSSE DELL'AZIENDA. L’amministratore delegato dell'azienda, Marco Neri, precisa che “la società dopo aver avuto l’aggiudicazione provvisoria, aver superato tutte le verifiche di Enel sui requisiti tecnici ed organizzativi ed avere ottenuto la lettera d’ordine definitiva, sta completando la fase esecutiva del contratto attraverso l’implementazione della struttura operativa già completa quanto a mezzi, attrezzature e risorse specializzate dedicate. Ad oggi abbiamo già contrattualizzato circa 30 ex dipendenti di Itel”. “La nostra disponibilità – aggiunge l’AD – ad assumere una parte dei lavoratori specializzati della uscente società Itel di Limena offrendo stesso inquadramento e stesse condizioni economiche deve essere letta come un segnale di grande attenzione verso le comunità che ospiteranno la nostra società nei prossimi anni, al fine anche di salvaguardare l’occupazione territoriale. Non esiste nessun obbligo giuridico, normativo o contrattuale ad assumere i lavoratori delle società uscenti. In considerazione dell’imminente avvio dei lavori e del periodo di pausa estiva, ci auguriamo di poter coinvolgere il maggior numero possibile di lavoratori territoriali per completare il nostro organico operativo della zona”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Live - Nuovi contagi anche nel Padovano, Luca Zaia avverte: «C'è poco da scherzare»

  • Coronavirus, Zaia: «Siamo tornati da rischio basso a rischio elevato, lunedì inaspriamo le regole»

  • Coronavirus, Zaia: «Nuovi positivi e isolamenti, indicatori non buoni: siamo nella "fase limbo"»

  • Rovesci e forti temporali in arrivo in tutto il Veneto: "allerta gialla" della Protezione Civile

  • Dramma domenica mattina alle Terme: spara alla moglie e poi si uccide

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

Torna su
PadovaOggi è in caricamento