rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024
Cronaca

Denuncia: "Balletti di enti e politici mentre i rospi muoiono sui Colli"

Strage di anfibi e rischio di estinzione. I volontari hanno documentato l'ecatombe. Duro l'attacco rivolto alle associazioni e alle istituzioni: "Interventi sempre rimandati con la scusa che non ci sono soldi"

È una vera e propria ecatombe quella segnalata da alcuni ambientalisti sui Colli Euganei, e documentata con tanto di fotografie, a testimoniare la strage di rospi avvenuta nelle ultime settimane, a partire da febbraio (periodo tra l'altro di riproduzione per gli anfibi).

STRAGE DI ROSPI. Una moria diffusa, e l'ipotesi concreta di una prossima scomparsa della specie, imputabili, secondo i volontari, all'indifferenza degli uomini e all'assenza di risposte concrete da parte degli enti preposti alla tutela dell'ambiente e dalla politica. "La causa di tutte queste scomparse e gravi diminuzioni di densità è l’uomo - denuncia Michele Favaron, volontario - che, attraverso costruzioni e strade, traffico veicolare, agricoltura intensiva, inquinamento agricolo e industriale, taglio degli alberi dei boschi, sfalci, diserbi e arature, utilizzo di biocidi, interramento di fossati, prosciugamento di terreni paludosi per renderli idonei agli insediamenti umani e all'agricoltura, sottrazione di specie rare e introduzione di fauna estranea, modifica l’ambiente con gravissime e spesso irreparabili conseguenze".

"BALLETTO DI POLITICI ED ENTI". Un duro l'attacco è rivolto soprattutto ad enti e istituzioni: "Si è costretti ad assistere al balletto della politica e agli inutili, formali, rituali degli enti che sarebbero preposti alla tutela dell’ambiente e che, invece, ritardano da anni azioni necessarie, tirando fuori scuse ed attenuanti in genere riassumibili in un 'non ci sono soldi'”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Denuncia: "Balletti di enti e politici mentre i rospi muoiono sui Colli"

PadovaOggi è in caricamento