Blitz della polizia, questore chiude la sala scommesse in Stazione Bitonci: "Un piano per decentrarle"

Il controllo martedì sera nel punto Snai, dove è stata trovata della droga e sono stati identificati dei frequentatori con precedenti. Il capo della questura, Ignazio Coccia, ha sospeso la licenza all'attività per 15 giorni

Il punto Snai vicino alla stazione

Un controllo mirato, martedì sera, da parte degli agenti della polizia di Padova nei confronti dei frequentatori della sala scommesse vicino alla stazione ferroviaria ha avuto come esito un provvedimento, deciso dal questore Ignazio Coccia, di sospensione della licenza di 15 giorni per l'attività. All'interno e nell'immediato esterno del punto Snai i poliziotti hanno rinvenuto svariate dosi di marijuana, mentre tra gli avventori identificati all'uscita diversi sono risultati avere precedenti penali.

UN ANNO FA: Chiusura della sala per "volantini illegali"

PIANO DI DECENTRAMENTO. Plaude al provvedimento il sindaco, Massimo Bitonci: “Attività come questa sono a rischio e tendono a diventare ricettacolo di balordi. Presenteremo un piano per decentrarle in aree dove non possano nuocere alla popolazione. Il lavoro in tandem con le forze dell'ordine proseguirà con sempre maggiore beneficio per la città. Stiamo studiando, come annunciato in campagna elettorale, un piano di rivalutazione urbanistica dell'area della Stazione che preveda modifiche alla viabilità pedonale e veicolare”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Bacchiglione restituisce un corpo: è la mamma di Bovolenta scomparsa lunedì

  • Vive in casa con il cadavere del fratello, morto da tre mesi: dramma nella Bassa Padovana

  • Cadavere lungo l'argine: il tragico gesto forse legato a problemi lavorativi

  • Si fa accreditare oltre 11mila euro cambiando l'Iban sulla fattura, ma il trucco online viene scoperto

  • Dalle acque gelide emerge un cadavere: complesse le fasi dell'identificazione

  • Cadavere nel lago d'Iseo: è la giornalista Rosanna Sapori, per anni lavorò nel Padovano

Torna su
PadovaOggi è in caricamento