rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cronaca Stanga

Barricata in bagno con un coltello: l'appello disperato e la trattativa per salvarla

É ricoverata al policlinico la donna che nella tarda serata di domenica ha minacciato intenti suicidi davanti al compagno. I carabinieri hanno abbattuto la porta convincendola a desistere

Intervento ad alta tensione per i carabinieri del Nucleo radiomobile di Padova, impegnati domenica sera nel salvataggio di un'aspirante suicida.

L'allarme

Sono le 22.30 quando il centralino riceve la chiamata di un uomo che risiede alla Stanga: spiega che una vicina di casa si è chiusa nel bagno minacciando di togliersi la vita. La pattuglia in pochi minuti è sul posto. Ad aspettarli ci sono l'uomo che ha lanciato l'allarme e il compagno della donna. Quest'ultimo ha chiesto aiuto al vicino perché qualche minuto prima la fidanzata si era barricata nella toilette portando con sé un grosso coltello.

Il salvataggio

Da tempo sofferente, la 46enne di origine filippina stava attraversando un periodo di difficoltà e aveva manifestato apertamente la volontà di uccidersi. I militari hanno immediatamente cercato di stabilire un contatto, assicurandosi che non avesse compiuto gesti sconsiderati. Era viva, ma non aveva intenzione di aprire, tanto che la porta è stata abbattuta. Entrati nel bagno l'hanno trovata con il coltello puntato sul ventre e hanno intavolato una lunga trattativa. Solo diversi minuti dopo la donna ha mostrato i primi segni di cedimento, venendo prontamente disarmata e bloccata. Una volta tranquillizzata è stata affidata all'ambulanza arrivata sul posto, che l'ha trasferita all'ospedale dove si trova ricoverata in Psichiatria in attesa delle adeguate terapie.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Barricata in bagno con un coltello: l'appello disperato e la trattativa per salvarla

PadovaOggi è in caricamento