Samira, le ricerche si concentrano sul fiume: la cercano cinofili e sommozzatori

Le indagini sulla scomparsa della quarantatreenne procedono seguendo la pista che ha portato gli inquirenti lungo il Gorzone. Della donna però non ci sono al momento tracce

I sommozzatori impegnati a scandagliare le acque del Gorzone

Dodici giorni sono passati da quando Samira El Attar è stata inghiottita dal buio. Di lei da quel lunedì si è persa ogni traccia ma nella Bassa Padovana le ricerche proseguono senza sosta. Da sabato gli occhi sono puntati sulle sponde del fiume Gorzone, a poche centinaia di metri dall'abitazione della donna.

Le ricerche lungo il fiume

Coordinati dalla procura di Rovigo, i carabinieri del comando provinciale di Padova hanno fatto intervenire i sommozzatori e il personale del Nucleo cinofili con i cani molecolari addestrati alla ricerca persone. Gli inquirenti stanno scandagliando il tratto di corso d'acqua a ridosso del paese, concentrandosi lungo via Gorzon Sinistro. Il meteo avverso e le condizioni del fiume non hanno al momento portato ad alcun ritrovamento significativo, mentre le analisi proseguono anche nell'area circostante l'abitazione al civico 13 di via Nazionale.

La bicicletta

Dettaglio fondamentale è la bicicletta con cui Samira è scomparsa. Era il mezzo che utilizzava quotidianamente, con cui anche la mattina della scomparsa aveva accompagnato all'asilo la figlioletta di 4 anni e con cui avrebbe poi fatto visita a una conoscente. Poi il nulla, nessun avvistamento, nessuna attività sul cellulare della donna. Trovare il mezzo a due ruote potrebbe rappresentare un tassello fondamentale per rintracciare la 43enne.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tante ipotesi, nessuna certezza

Le ipotesi investigative non escludono alcuna pista. Dopo l'apertura in procura di un fascicolo che ipotizza il reato di sequestro di persona, nei giorni scorsi i Ris hanno setacciato casa e giardino della famiglia, senza apparentemente aver trovato riscontri significativi. La meno plausibile sembra ancora la tesi del suicidio, come pure quella dell'allontanamento volontario, ma al momento le indagini proseguono a tutto campo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Questa cosa non dura due settimane, abbiamo un progetto che arriva a maggio 2021»

  • Caccia senza licenza e in giorno di silenzio venatorio: denunciato 71enne

  • Live - Nuovo Dpcm in arrivo nel weekend: si va verso il coprifuoco

  • Coronavirus, il prof. Ursini difende Andrea Crisanti: «Parole sgradevoli dal professor Palù»

  • Coronavirus, Crisanti: «Siamo in un mare in tempesta. Secondo lockdown? Sarebbe inutile»

  • A piedi lungo la tangenziale, giovane viene investito all'alba: è grave

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento