menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sanità, progetti di “umanizzazione delle cure”: Padova ai primi posti

Anche il distretto socio-sanitario Padova 1 - sud est e l'Azienda ospedaliera di Padova sono stati premiati da Cittadinanza Attiva Tribunale del Malato per evidenziare le strutture della sanità pubblica che si contraddistinguono per l'attuazione di "buone pratiche per l'umanizzazione delle cure"

Tra le 5 aziende venete vincitori del Premio Nazionale “Andrea Alesini”, istituito da Cittadinanza Attiva Tribunale del Malato per evidenziare le strutture della sanità pubblica che si contraddistinguono per l’attuazione di “buone pratiche per l’umanizzazione delle cure” c’è anche Padova.

TERZO POSTO. In particolare il distretto socio-sanitario Padova 1-sud est si è classificato 3° nella classifica con un progetto sulla gestione delle dimissioni protette dall’ospedale.

MENZIONI SPECIALE. Menzione speciale anche all’Azienda ospedaliera di Padova per un lavoro dell’ufficio relazioni con il pubblico dal titolo “Salute per tutti: l’interculturalità nell’umanizzazione delle cure e nei processi organizzativi”.


SODDISFATTO LUCA COLETTO. Due premi che si aggiungono a quelli di Verona, Bassano del Grappa  e dell’Ulss 5 Ovest Vicentino. Soddisfazione dell’assessore regionale alla sanità Luca Coletto: “Ringrazio le nostre cinque aziende che con questo premio dimostrano come, pur in un periodo di grande difficoltà, stretti come siamo tra ingiusti tagli nazionali e spending review orizzontali, la sanità veneta sappia realizzare anche progetti innovativi rivolti non solo alla qualità tecnica delle cure, ma anche al non meno rilevante aspetto della ricerca di un miglior rapporto con le persone”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Il Sant'Antonio di Evyrein compare in centro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento