rotate-mobile
Venerdì, 19 Aprile 2024
Cronaca Sant'Elena

Per San Valentino prova a raggiungere la ex ma il braccialetto elettronico inizia a suonare

Ancora una volta è finito nei guai un uomo di 48 anni di Sant'Elena, che nonostante fosse sottoposto ad una misura restrittiva, nel cuore della notte è uscito. Ora la procura ne ha disposto la traduzione in carcere

I carabinieri della stazione di Solesino il 20 febbraio a Este, su delega della Procura della Repubblica di Rovigo hanno dato esecuzione alla custodia cautelare in carcere nei confronti di un 48enne di Sant'Elena in aggravamento della precedente misura degli arresti domiciliari con braccialetto elettronico disposta a seguito dell'arresto in flagranza differita per atti persecutori e minaccia nei confronti dell'ex compagna e della figlia. Nello specifico gli è contestato di avere inviato messaggi minacciosi alla figlia minorenne e di avere tagliato le ruote alla macchina del compagno della sua ex. 

San Valentino

Nella ricorrenza di San Valentino, nel cuore della notte, l'uomo si è allontanato di notte arbitrariamente dalla sua abitazione ed è scattato l'allarme del braccialetto elettronico. I carabinieri di Solesino lo hanno rintracciato sulla statale provinciale 8 di Sant'Elena a piedi in direzione dall'abitazione delle parti offese a poche centinaia di metri e lo hanno arrestato, nuovamente, questa volta per evasione. Come conseguenza di quest'ultimo episodio la sua posizione si è aggravata e il 20 febbraio la Procura della  Repubblica di Rovigo ha richiesto  e ottenuto l'aggravamento della precedente misura cautelare per cui l'uomo, perso il beneficio dei domiciliari,
è stato portato in carcere a Rovigo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Per San Valentino prova a raggiungere la ex ma il braccialetto elettronico inizia a suonare

PadovaOggi è in caricamento