"Il Santo non cade a pezzi"

di Gianni Berno - presidente della Veneranda Arca. Non ci risulta da alcuni sopralluoghi e studi effettuati in questi mesi che ci siano problemi di "imminenti crolli" come si legge dalla stampa

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

"I progetti di cui ha dato notizia la stampa locale (lavoro sui tetti della Basilica e prossimo intervento su Convento e attiguo chiostro) sono gestiti direttamente dal Delegato Pontificio per conto della proprietà (S. Sede) e dunque come Veneranda Arca di S. Antonio non abbiamo a disposizione alcuna documentazione analitica; per le informazioni sinora in nostro possesso riteniamo che i toni che si leggono sulla stampa ("la Basilica del Santo cade a pezzi") siano davvero eccessivamente allarmistici e fuorvianti; dire che il "Santo cade a pezzi" significherebbe una non gestione del complesso basilicale che invece viene monitorato con molta attenzione con il supporto di specialisti di assoluto livello. Va detto ad esempio che il lavoro in fase di completamento sui tetti della Basilica era stato segnalato a suo tempo alla S. Sede (proprietaria) con una approfondita relazione tecnica proprio dalla Ven. Arca di S. Antonio evidenziando l'assoluta urgenza di un intervento molto consistente, che poi è stato realizzato con fondi e gestione diretta del Delegato Pontificio. Per il progetto di restauro e consolidamento del Convento e dell'attiguo chiostro anche in questo caso la committenza è diretta della proprietà (S. Sede); non ci risulta però da alcuni sopralluoghi e studi effettuati in questi mesi che ci siano problemi di "imminenti crolli" come si legge dalla stampa.
Come Presidente dell'Arca rilevo che vi è talvolta uno "scollamento" informativo relativamente ai cantieri gestiti direttamente dalla proprietà (e non dall'Arca). Da anni auspico maggiore informazione e confronto con l'Arca per i lavori gestiti direttamente dalla proprietà nel complesso basilicale; spero che in futuro migliori una situazione che rischia sennò di ingenerare confusione di ruoli e divulgazione, come in questo caso, di notizie imprecise".

Gianni Berno - presidente della Veneranda Arca

Torna su
PadovaOggi è in caricamento