Cronaca

Trasforma la casa della madre inferma in un dormitorio: 40enne nei guai

Alcuni degli ospiti erano alloggiati in un magazzino-ricovero attrezzi abusivamente realizzato nel giardino dell'abitazione, inserito nel contesto di un quartiere residenziale

Continuano senza sosta le attività di controllo per il rispetto della normativa anti-Covid da parte della polizia locale della Federazione dei Comuni del Camposampierese, che continuano senza sosta per il rispetto della normativa anticovid. Gli agenti nell'ultima settimana hanno rilevato in particolare diverse infrazioni in violazione all'ultimo Dpcm e del nuovo regolamento di polizia urbana adottato dai 10 comuni che costituiscono la Federazione.

Ospiti

È stato così sanzionato con 500 euro di multa un quarantenne di Piombino Dese che ospitava diversi cittadini stranieri (ma anche qualche italiano) nella casa dell'anziana madre, inferma. A suo dire gli ospiti venivano alloggiati a titolo di cortesia, dietro il pagamento solo di un rimborso spese. Alcuni erano alloggiati anche in un magazzino-ricovero attrezzi abusivamente realizzato nel giardino dell'abitazione, inserito nel contesto di un quartiere residenziale. Sono state in tutto sei le persone identificate da due pattuglie della polizia locale intervenute, alcune di queste già note alle forze dell'ordine. Il quarantenne è stato inoltre diffidato a liberare i locali occupati ma non destinati ad uso abitativo e non agibili, entro 48 ore, pena una ulteriore sanzione di altri 500 euro.

Coprifuoco

Nella notte dello scorso venerdì i controlli si sono concentrati nel centro abitato di Villa del Conte, per verificare il rispetto del coprifuoco a partire dalle ore 22, con una decina i veicoli fermati. Una coppia di giovani, lui di Camposampiero e lei di Padova, sono stati così sanzionati perché fermati poco prima di mezzanotte, quindi oltre l'orario consentito, e fuori dal paese di residenza. I due si sono giustificati dicendo di aver partecipato alla festa di compleanno di un amico. Diversi, inoltre, i bar controllati per verificare la sospensione delle attività di somministrazione alle ore 18,00 ed il divieto di consumo all'interno.

Ubriaco

Lunedì nel primo pomeriggio a Camposampiero, sempre su segnalazione di alcuni passanti, uno straniero di origini indiane è stato trovato completamente ubriaco nei giardini pubblici di via Valeri. Sul posto è intervenuta una pattuglia della 3^ unità operativa, specializzata in sicurezza urbana. Lo straniero è stato identificato e poi, viste le precarie condizioni di salute dovute all'abuso di alcol, accompagnato da una autoambulanza presso il vicino Ospedale. L'uomo è stato poi sanzionato ai sensi dell'art. 688 del Codice Penale per ubriachezza in luogo pubblico.

Controlli

Sempre a Camposampiero gli agenti del Reparto Operativo, coordinati dal Vice Comandante Colombara, hanno intensificato in settimana i controlli nella zona della locale Stazione Ferroviaria. In due distinte occasioni le pattuglie hanno trovato diverse persone, soprattutto stranieri provenienti dai paesi dell'Est Europa, che stavano bevande birra in compagnia. Un altro straniero, stavolta di origini nordafricane, è stato segnalato all'interno del sottopasso pedonale della stazione dei treni da un professore delle vicine scuole che si stava recando al lavoro. Sul posto sono subito intervenuti gli agenti che erano impegnati poco lontano per la viabilità scolastica. Lo straniero è stato fermato e identificato. L'uomo si è giustificando dicendo che era nel sottopasso per chiedere dei soldi ai passanti perché non aveva denaro sufficiente a comprare il biglietto del treno per ritornare a Padova. Avendo comunque tutti i documenti in regola, lo straniero è stato rilasciato ed invitato ad allontanarsi.

Commento

Molto soddisfatto il Comandante Paolocci: «Il nuovo regolamento di polizia urbana ci sta dando importanti strumenti per poter agire nelle situazioni di degrado dei nostri territori, come hanno dimostrato gli interventi di questa settimana. Comportamenti di inciviltà che possono creare disordine nella vita sociale delle nostre comunità non erano prima sanzionabili. Stiamo spingendo molto anche per incrementare le dotazioni dei nostri agenti, sia tecnologiche per stare al passo con la digitalizzazione, che strumentali, con l'acquisto di nuovi dispositivi di autotutela ed il rinnovo dei mezzi. A breve verrà rinforzata anche la dotazione organica del personale, con l'entrata in servizio dei primi agenti a seguito del completamento delle recenti procedure concorsuali. Tutto questo per dare sempre un servizio migliore ai nostri cittadini ed una maggiore sicurezza ai nostri territori. Voglio con l'occasione anche ringraziare le Amministrazioni Comunali che stanno credendo ed investendo in questo progetto».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trasforma la casa della madre inferma in un dormitorio: 40enne nei guai

PadovaOggi è in caricamento