Martedì, 16 Luglio 2024
Cronaca

I baby bulli del parco Olivo? Hanno meno di 14 anni

A tempo di record gli agenti della Polizia locale del consorzio Noventa-Saonara-Vigonovo-Stra hanno identificato quattro adolescenti che domenica hanno lordato l'area verde di Saonara e perpetrato comportamenti non a norma

I baby vandali di Saonara? Non hanno ancora 14 anni. Identificati dalla Polizia locale del consorzio Noventa-Saonara-Vigonovo-Stra, verranno a breve convocati in municipio alla presenza dei genitori. Oltre ad una sanzione di 250 euro ciascuno, in vista anche provvedimenti educativi. La vicenda è nata domenica 19 febbraio quando qualcuno con delle bombolette spray colorate ha lordato le giostrine del parco Olivo, accanendosi anche con i divertimenti riservati ai bambini portatori di handicap. A tempo di record è partita un'indagine che ha portato ieri, 22 febbraio, all'identificazione di quattro adolescenti. 

La storia

L’amministrazione comunale nella giornata di lunedì ha segnalato un grave atto vandalico perpetrato nella giornata di domenica presso il parco dell’Olivo e lungo la pista ciclabile di via Valmarana. Sono state infatti rinvenute diverse scritte e graffiti nella struttura di gioco centrale predisposta anche per bambine e bambini con disabilità e lungo alcune strade comunali. Dai primi accertamenti pare che il gesto non sia solamente riconducibile ad un semplice atto vandalico, ma abbia anche una connotazione di bullismo. Le forze dell’ordine svolgeranno gli opportuni accertamenti. La Polizia Locale ha prontamente identificato gli autori del danno con ogni risorsa a disposizione, tra le quale il nuovo sistema di videosorveglianza. In questi giorni si sta procedendo a convocare i 4 ragazzi responsabili del danno ed i loro genitori per comunicato loro che il regolamento vigente prevede per questi illeciti una sanzione economica di 250 euro e il pagamento delle spese sostenute per eliminare le conseguenze dannose e ripristinare e ripulire la giostra e le aree danneggiate.

Coinvolta la scuola

In relazione all’evento è stata informata anche la preside dell’Istituto Comprensivo di Saonara. La scuola, già impegnata con progetti ed iniziative su temi sensibili come il bullismo ed il cyberbullismo, attiverà dei percorsi educativi e di dialogo con i ragazzi in questione e proporrà nelle prossime settimane, per tutte le studentesse e gli studenti, con la preziosa collaborazione dei carabinieri del comando di Legnaro, promotori dell’iniziativa, degli incontri per illustrare le basi su cui fondare un comportamento civile e rispettoso delle persone e dell’ambiente circostante, prendendo le distanze dalle devianze ed educando alla legalità.

Il commento

Il sindaco di Saonara Michela Lazzaro ha commentato: «Oltre alla sanzione pecuniaria, prevista dalla legge, è importante che i ragazzi capiscano la gravità del danno attraverso una partecipazione attiva a progetti di sensibilizzazione alla convivenza responsabile, nel rispetto dei valori sociali, ed alla valorizzazione dell’ambiente, nel rispetto di ciò che ci circonda. Per questo, in accordo con i genitori, inviterò i ragazzi coinvolti a partecipare alle prossime giornate organizzate dalle associazioni del nostro territorio e dedicate alla pulizia di alcuni punti del nostro comune. Non possiamo limitare la nostra responsabilità amministrativa - ha concluso - ad una sanzione pecuniaria di fronte a certi comportamenti dei nostri ragazzi. Come cittadini di una comunità abbiamo il dovere di intervenire in maniera forte e determinata e spiegare alle nuove generazioni l’importanza delle proprie azioni. Il ruolo dei genitori nella società di oggi è delicato e complicato ed è richiesto un grande spirito educativo: ascoltare, capire e confrontarsi è fondamentale per la crescita dei nostri figli».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I baby bulli del parco Olivo? Hanno meno di 14 anni
PadovaOggi è in caricamento