Le mura come palestra di roccia: sorpresi due giovani a scalare il bastione Pontecorvo

Martedì pomeriggio sono stati immortalati un ragazzo e una ragazza che a mani nude e senza imbragature stavano allenandosi sulle mura storiche della città

Il bastione Pontecorvo come parete di roccia per un allenamento di free climbing in pieno giorno. L’arrampicata è avvenuta martedì pomeriggio, scatenando il putiferio su Facebook quando la foto ha cominciato a girare sul social network.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

GIOCO PERICOLOSO.

I due scalatori hanno deciso di testare la gamba sulle mura storiche della città e a mani nude hanno affrontato la parete. I giovani, un ragazzo e una ragazza, in abbigliamento tecnico sportivo scalano come se fossero impegnati in una palestra di roccia. Oltre allo sfregio a un monumento della città, non è da sottovalutare la questione sicurezza. Le mura infatti sono di materiale scivoloso e friabile che potrebbero mettere in serio pericolo chi si avventura nella scalata a corpo libero. Un gioco pericoloso: il timore è che questa prassi venga ora emulata da altri aspiranti Reinhold Messner di città.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Live - Nuovi contagi anche nel Padovano, Luca Zaia avverte: «C'è poco da scherzare»

  • Coronavirus, Zaia: «Siamo tornati da rischio basso a rischio elevato, lunedì inaspriamo le regole»

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Rovesci e forti temporali in arrivo in tutto il Veneto: "allerta gialla" della Protezione Civile

  • Live - Aumenta l'indice di contagiosità, botta e risposta Zaia-Crisanti

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

Torna su
PadovaOggi è in caricamento