menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Schiava del marito "per contratto", poi lei lo lascia ma lui la perseguita

Una commessa 31enne, che nel 2004 aveva sottoscritto un documento di schiavitù nei confronti di un 41enne gestore di locali a Padova e che nel 2006 era divenuto suo marito, ha denunciato quest'ultimo per stalking

Un contratto di schiavitù "consensuale e a tempo indeterminato", dove lei - una commessa oggi 31enne - si dichiara "schiava" al servizio di lui, suo "padrone", un 41enne gestore di locali a Padova. Il documento - un decalogo che serviva a regolare un gioco erotico tra i due - è arrivato sulla scrivania del pm Sergio Dini che si sta occupando della vicenda giudiziaria che vede l'uomo ora denunciato per maltrattamenti in famiglia e successivamente per stalking.

STALKING: GLI ULTIMI CASI

VITTIMA "CONSENSUALE"? Il contratto risale al 2004. In uno dei punti c'è scritto che "la schiava rinuncia al suo diritto di godimento, piacere, confort e gratificazione eccetto quello concesso dal proprio Padrone". Nel 2006 la coppia si sposa e successivamente insieme avranno anche un figlio. Nel 2011 lei lo lascia. Lui però avrebbe continuato a cercare l'ex, in modo insistente e morboso. Ecco allora che la donna, nello stesso anno, si rivolge alle forze dell'ordine sporgendo le due denunce. Un precedente per violenza sessuale di tipo sadomaso aveva già macchiato nel 2001, con un'altra donna vittima, la fedina penale del 41enne.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Attualità

Perquisizioni e ostacoli alle Coop: il Dap "commissaria" il Due Palazzi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento