menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scontri Pedro-polizia in pieno centro storico: manganellate e cariche, due fermate

Minuti di grande tensione in via Oberdan, tra Palazzo Moroni e il Caffé Pedrocchi: scatta la carica delle forze dell’ordine. I manifestanti: «Carica ingiustificata». La Questura: «Ricevuti sputi e insulti»

Si temevano scontri e così è stato: la polizia in pieno centro storico, per impedire che il corteo antifascista venisse a contattto con Forza Nuova e gli anti abortisti. E' finita  con due ragazze fermate, portate in Questura e poi liberate. 

I fatti 

È successo alle ore 19.30 in via Oberdan: i manifestanti, circa 1.000, sarebbero dovuti rimanere in piazza delle Erbe, e invece hanno sfilato per via Manin, piazza dei Signori e piazza della Frutta fino ad arrivare tra Palazzo Moroni e il Caffé Pedrocchi. E nel momento in cui hanno provato a sfondare il cordone di polizia sono stati caricati a suon di manganellate, a cui hanno risposto con lanci di bottiglie di vetro. Giusto pochi attimi di tensione che hanno però portato al fermo di due ragazze, la prima del Pedro, Maria e Marisol, che fa parte di una associazione. Sono state fermate, portate in Questura e rilasciate un’ora e mezza più tardi. Un'altra ragazza è invece finita in ospedale, piantonata dalla polizia. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anti abortisti

In contemporanea si è svolto il corteo degli antiabortisti, con Forza Nuova e i Pescatori di Pace in prima linea. Circa 150 i presenti, partiti dalla Basilica di Sant’Antonio e arrivati fino a piazza Antenore scortati da un folto numero di agenti. Il tutto si è svolto senza problemi.

Versioni

Il fronte antifascista, dove non c'era solo il Pedro ma anche tante altre realtà della città, giudica ingiustificata la carica e anzi si fa notare che anche i due fermi sono stati forzati. Dalla questura parlano di sputi e insulti ricevuti per tutta la durata del presidio e del corteo. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento