menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scontri nelle Piazze, Bitonci:"Interrogazione parlamentare, esposto, dimmissioni di Ruffini e convocazione urgente del Consiglio"

I consiglieri di opposizione, capeggiati dall'ex sindaco della città del Santo, intervengono sulla guerriglia urbana di lunedì sera a Padova

"Abbiamo fatto presentare un'interrogazione parlamentare da parte della senatrice Erika Stefani (Lega Nord) che prende spunto dalla mozione preparata dal consigliere Cavatton e da tutto il gruppo di opposizione integrata con le ultime risultanze che sono emerse dopo gli scontri: chiediamo un intervento del ministro Dell'Interno per verificare la posizione del sindaco e del prefetto e abbiamo evidenziato il fatto che il neo sindaco era a conoscenza della situazione".

GIORDANI SAPEVA. È questa la posizione dei consiglieri di opposizione in Consiglio comunale in merito a quanto accaduto lunedì sera. "Giordani era stato visitato dal gruppo no global, così come gli stessi attivisti hanno dichiarato davanti al tribunale di Padova durante il sit in di "immediata liberazione" dei compagni arrestati, e avevano avvisato che nel caso in cui ci fosse stata una contro manifestazione si sarebbero adoperati per interrompere e far concludere l'altra manifestazione".

SIT IN. Bitonci ha dichiarato piena solidarietà alle forze dell'ordine e a tal proposito ha dichiarato che sarà presente al sit in organizzato per il 28 luglio porssimo da tutte le sigle sindacali di polizia che manifesteranno davanti al Reparto Mobile di Padova. "Pensiamo che la colpa sia di Ruffini e Ferro che erano presenti - dichiara Bitonci -  la responsabilità del sindaco è accertata e acclarata".

ESPOSTO. L'esponente leghista interviene in merito all’interrogazione parlamentare presentata di Naccarato e definisce Giordani "spalleggiatore". A tal proposito Bitonci riferisce che: "Depositeremo un esposto ai carabinieri perchè venga verificata e accertata la cosa, sentendo anche il sindaco su come si sono svolti realmente i fatti". Infine chiede una convocazione urgente del Consiglio comunale affinchè venga chiarita la posizione dei singoli consiglieri.

DIMISSIONI RUFFINI. Della stessa linea il consigliere Matteo Cavatton: "Giordani dichiari a verbale se sapeva o meno. Quando è successo dimostra un'incapacità gestionale della Giunta". Eleonora Mosco (Forza Italia) chiede: "Daspo urbano a tutti i contestatori e le dimissioni della consigliere comunale Ruffini". Ecco che il consigliere comunale Alain Luciani si è fatto primo firmatario di una petizione on line per chiedere le dimissioni di Daniela Ruffini.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento