Scuola media Manzoni di Limena, a novembre al via i lavori per l'ampliamento

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

Al via entro novembre i lavori di ampliamento della Scuola media Manzoni. Un intervento da 500mila euro finanziato con risorse derivate dall'avanzo di bilancio (circa 320 mila euro), un contributo del Ministero (77mila euro) e oneri di urbanizzazione.

"La Scuola Manzoni sta vivendo un boom di iscrizioni - spiega il Sindaco Giuseppe Costa - anche perché è l'unica della zona ad offrire il servizio di tempo pieno. Attualmente ospita 250 alunni ma nel prossimo anno ne sono previsti almeno dieci in più. Purtroppo gli spazi a disposizione non sono adeguati, in particolare mancano i laboratori per la didattica".

L'ampliamento permetterà di aggiungere ulteriori 350 metri quadrati, che ospiteranno due nuove aule per la didattica, il raddoppio di un'aula esistente, servizi e un ampio atrio coperto. Sarà inoltre possibile recuperare spazi per laboratori.

"I lavori dovranno partire entro l'anno - spiega l'Assessore Stefano Tonazzo - In teoria dovrebbero anche concludersi, per poter usufruire degli spazi di spesa dell'avanzo per i 320 mila euro, ma sarà tecnicamente impossibile. Stiamo ultimando la progettazione, che è già stata illustrata ed apprezzata dal Consiglio di Istituto e dalla Dirigenza scolastica; nel prossimo Consiglio comunale presenteremo la modifica al Piano triennale delle Opere e quindi ci saranno i 60 giorni per le osservazioni. Entro novembre, dunque l'apertura del cantiere. Tempi tecnici che ci impongono di chiedere una deroga dal momento che i lavori dovrebbero durare cinque mesi non sarà possibile chiudere l'intervento entro il 2016".

Il cantiere non creerà problemi alle normali attività scolastiche e la ditta sarà invitata ad arrecare il minore disturbo possibile. I nuovi spazi saranno consegnati alla Scuola per settembre 2017, con l'inizio dell'anno scolastico.

"L'ampliamento è modulare - conclude Tonazzo - ed è stato progettato in modo da poter aggiungere in futuro altre due nuove aule in caso di necessità".

Torna su
PadovaOggi è in caricamento