Il secondo Friday for Future della provincia di Padova si arricchisce di contenuti e progetti

Sono stati gli stessi studenti a tradurre in atti concreti le proprie idee per la salvaguardia del pianeta partecipando al concorso “Pianeta Sostenibile”

Sono stati gli stessi studenti a tradurre in atti concreti le proprie idee per la salvaguardia del pianeta partecipando al concorso “Pianeta Sostenibile”. Il primo premio è andato al progetto di aula verde inclusiva ideato dagli alunni della classe 4° DC dell’istituto alberghiero Pietro d’Abano di Abano Terme. Il concorso promosso dalla World Social Agenda di Fondazione Fontana Onlus e sostenuto da Banca Etica ha coinvolto tredici classi di setteistituti superiori della provincia di Padova. 

Progetti

Gli studenti erano invitati a studiare e sviluppare un progetto legato al tema della sostenibilità, della tutela dell’ambiente e della salvaguardia e della gestione delle risorse.  A giudicare i progetti un comitato scientifico composto da Chiara Gallani (Assessore Ambiente Comune di Padova), Benedetta Castiglioni (Docente di geografia, Università degli Studi di Padova), Piergiorgio Cattani (giornalista e scrittore), Stefania Cavallaccio (Coordinatrice di progetto Global Issues – Global Subjects/UE), Daniela Callegaro (Banca Etica). 

Classi

La 4° DC  del Pietro D’Abano ha conquistato il gradino più alto del podio presentando un progetto – “ La vita scolastica diventa verde”-  che prevede la creazione di un orto biologico e di un’aula verde inclusiva. L’istituto infatti non è dotato di un’area verde attrezzata e per questo i ragazzi e le ragazze hanno ideato uno spazio all’aperto che permetta a tutti gli studenti, con una particolare attenzione per i diversamente abili, di poter seguire alcune lezioni all’aperto. Lo spazio può trasformarsi per ospitare eventi e incontri. I ragazzi hanno anche progettato un orto scolastico per coltivare ortaggi a “mt 0” e un percorso vita. Al secondo posto la 1° B del liceo Curiel di Padova che ha proposto un corso di educazione alla raccolta differenziata fatto dagli studenti delle superiori agli alunni delle scuole primarie chiamato “Un rifiuto ai rifiuti”. Al terzo posto si è classificata la 3° B del liceo Fermi di Padova con un progetto di comunicazione sulla gestione responsabile delle risorse chiamato “Planet”.Cartelli posizionati all’interno del plesso scolastico danno dei piccoli consigli: ricordano a tutti gli alunni del liceo scientifico di spegnere la luce quando si esce dalla classe, gettare i rifiuti negli appositi contenitori e propongono la sostituzione dei vecchi caloriferi con dei nuovi dotati di termo-valvole per regolare la temperatura. 

Premio

Il primo premio consiste in un laboratorio di geografia con l’utilizzo dei droni, il secondo una visita guidata all’Orto Botanico di Padova mentre il terzo è un’attività presso Ca’ Sana. 

IMG_3294-2

Potrebbe interessarti

  • Via libera all'assunzione di 500 giovani medici: la rivoluzionaria scelta della Regione Veneto

  • Ferragosto da bollino rosso sulle autostrade venete: giorni di traffico intenso

  • Dal melanoma alla gravidanza: la testimonianza di Teresa, fanatica della tintarella

  • Al top in Italia e nel mondo: Università di Padova al 160esimo posto su 20mila atenei valutati

I più letti della settimana

  • Decide di farla finita lanciandosi dal terzo piano di un hotel del centro: tragico suicidio a Padova

  • Terribile frontale auto-moto, gamba amputata per i due centauri padovani: sono in pericolo di vita

  • Ferragosto di sangue: lo schianto in autostrada è violentissimo, muore a 22 anni

  • Tentato stupro vicino alla sagra: strattonata e trascinata da due uomini verso un vicolo

  • Via libera all'assunzione di 500 giovani medici: la rivoluzionaria scelta della Regione Veneto

  • Spaventoso incidente al semaforo: tre feriti, due sono bambini. Auto distrutte

Torna su
PadovaOggi è in caricamento