Cronaca Piazze / Via Camillo Benso Conte di Cavour

Senzatetto "morti" alla mostra? Chiamano i vigili, ma sono arte

A dare l'allarme gli addetti alle pulizie, spaventati dai realistici clochard accovacciati nelle sale della galleria "Cavour" a Padova. Si tratta di manichini installati dall'artista Sergio Zagallo, a cui è dedicato l'evento

L'installazione "Homeless"

Così realistici da sembrare veri. Figure umane a grandezza naturale, abbigliate con indumenti frusti e non certo di bucato. Dei senzatetto finti, ma molto verosimili. Un'installazione artistica denominata "homeless" del veneziano Sergio Zagallo, a cui è dedicata una mostra personale allestita in questi giorni in galleria Cavour a Padova. Accovacciati a terra, hanno però spaventato gli addetti alle pulizie, che hanno creduto di trovarsi di fronte a degli "intrusi" in carne ed ossa.

"È MORTO!". Il malinteso ha assunto persino le tinte le macabro quando, provando a spostare senza risultato uno degli homeless, vedendolo inanimato, una delle dipendenti della cooperativa si è messa le mani nei capelli, mormorando: "È morto!". Immediato è così scattato l'allarme e sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia locale, che hanno risolto l'abbaglio e tranquillizzato gli addetti alle pulizie: impossibile far spostare i senzatetto, trattandosi di "pupazzi", parte integrante dell'esposizione dell'artista, che ora potrà contare su una originale pubblicità all'evento, in programma dal 30 gennaio all'8 marzo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Senzatetto "morti" alla mostra? Chiamano i vigili, ma sono arte

PadovaOggi è in caricamento