menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Recuperati gioielli e preziosi per 400mila euro: la denuncia partita dalla Morellato

L'operazione dei carabinieri di Cittadella ha interessato la Damante Spa e una quarantina di suoi punti vendita nei centri commerciali, coinvolte anche le città di Venezia, Treviso e Udine

Il primo febbraio i Carabinieri della compagnia di Cittadella, a conclusione di una lunga attività investigativa, hanno dato esecuzione ad un decreto di perquisizione personale e locale con conseguente sequestro emesso dalla Procura della Repubblica di Padova. L’esecuzione del provvedimento su gran parte del territorio nazionale, ha interessato in simultanea la società Damante Spa e una quarantina di suoi punti vendita in numerosi Centri Commerciali ubicati, oltre che nella provincia di Padova, anche nelle province di Agrigento, Alessandria, Bergamo, Bologna, Brescia, Como, Forlì-Cesena, Frosinone, Grosseto, Imola, La Spezia, Latina, Milano, Monza-Brianza, Novara, Pescara, Pordenone, Rimini, Roma, Teramo, Torino, Treviso, Udine e Venezia.

LA VICENDA

La vicenda trae origine da un contenzioso sorto tra la Damante Spa e la Morellato Spa, storico marchio padovano del settore, che contestava la mancata restituzione di gioielli e preziosi per un valore complessivo di oltre 430mila euro, consegnati in conto vendita a D’Amante S.p.A. per la successiva commercializzazione nei suoi punti vendita e per i quali non sarebbe mai stato pagato il corrispettivo. Inevitabile la denuncia e la conseguente attività d’indagine che ha portato all’emissione del decreto di perquisizione e sequestro presso tutti i punti vendita ed in particolar modo presso al sede di D’Amante S.p.A., allo scopo di evitare che venisse venduta e che potesse essere indebitamente incassato il prezzo di vendita. 

Morellato 2-3

LE PERQUISIZIONI

Le perquisizioni, eseguite in contemporanea ad insegna “D’Amante” e “Athmosfera by D’Amante”, presso la sede legale della società e a presso l’abitazione del legale rappresentante, F.V., hanno consentito di recuperare e sequestrare la quasi totalità dei gioielli, dei monili e dei preziosi di proprietà di Morellato, oggetto del contendere, per una stima approssimativa di oltre 400mila euro. Quanto sequestrato è stato affidato in custodia giudiziale in attesa della definitiva restituzione da parte dell’AG alla stessa Morellato SpA.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento