Sequestrati dalle fiamme gialle oltre 110mila prodotti di cancelleria destinati agli studenti

La guardia di finanza di Padova ha bloccato il commercio di 14mila matite non originali e di altro materiale destinato alle cartolerie: il commerciante rischia 30mila euro di multa

Articoli di cancelleria per circa 100mila euro sono stati sequestrati dalla guardia di finanza di Padova nell’ambito di alcuni controlli in vista dell’apertura dell’anno scolastico.

L'intervento

Le fiamme gialle di Padova hanno individuato una società gestita da un cittadino cinese che vendeva prodotti con il marchio Faber Castell non autentico. Per comprendere se si trattava di materiale taroccato gli agenti hanno acquistato una partita di matite, risultate poi non originali. In totale sono state sequestrati 14mila mila articoli di quel genere. L’imprenditore cinese rischia ora una multa fino a 30mila euro. Nel corso delle attività di perquisizione, i militari hanno rinvenuto anche altri 95.576 articoli di cancelleria privi delle prescritte indicazioni utili alla valutazione ed alla prevenzione dei rischi derivanti dall’uso normale o ragionevolmente prevedibile del prodotto.

Il sequestro

Tutti gli articoli sequestrati (complessivamente quasi 110 mila pezzi) erano stati immessi in commercio ad un prezzo decisamente competitivo rispetto alle matite originali e agli altri articoli conformi alla normativa sulla sicurezza dei prodotti, aggirando così i principi della leale concorrenza di mercato.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro: muore l'imprenditore Tiziano Faccia, fratello dei Serenissimi del Tanko

  • Trova un rotolo di banconote per terra e lo consegna alla polizia locale: succede nell'Alta

  • Violento schianto contro un platano: conducente estratto dalle lamiere e trasportato in ospedale

  • Giallo ai piedi della Specola, due cadaveri in casa: sono due fratelli

  • Colpo grosso al centro commerciale: rubato materiale tecnologico per 30mila euro

  • Caso Tigotà: gli audio di una capo-area che smascherano l'organizzazione dello sciopero

Torna su
PadovaOggi è in caricamento