menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il pesce ammassato nel bagagliaio

Il pesce ammassato nel bagagliaio

Controlli in A4, cinquecento chili di pesce nel bagagliaio dell'auto: 6mila euro di multa

Accertamenti della polstrada su un'auto controllata nell'area di servizio Limenella Est. Gli occupanti non erano in possesso di documenti sulla provenienza del pesce, trasportato in condizioni igieniche e a temperature non idonee ad un futuro consumo alimentare

Sabato scorso, verso le 18, nell’ambito della normale attività di controllo stradale, una pattuglia della sezione polizia stradale di Padova ha proceduto al controllo di un'auto Chrysler Voyager con targhe romene all’interno dell’area di servizio "Limenella Est" lungo l’autostrada A4.

490 CHILI DI PESCE NEL BAGAGLIAIO. Gli occupanti del mezzo, tre cittadini rumeni, sono risultati tutti in possesso di regolari documenti. Tuttavia, un più approfondito controllo del veicolo ha consentito agli agenti di rinvenire, occultato da alcune valige e borsoni, un ingente quantitativo di pesce adagiato sul ripiano del bagagliaio. Il conducente, D.M., cittadino rumeno di 59 anni, ha riferito ai poliziotti di avere acquistato il pesce per uso privato da alcuni pescatori del mantovano i quali non gli avrebbero rilasciato né scontrino né fattura.

IL VETERINARIO. Ulteriori accertamenti da parte del servizio veterinario della Ulss di Padova hanno permesso di appurare che il pesce trasportato, circa 490 chilogrammi di varie specie per 367 pezzi, in assenza di un documento che ne comprovasse la provenienza o il metodo di pesca e non essendo stato trasportato in adeguate condizioni igieniche né in regime di temperatura controllata, non era idoneo al consumo alimentare.

6MILA EURO DI MULTA. Pertanto, al termine dei controlli, il personale della polizia stradale, anche su indicazione del personale veterinario, ha proceduto al sequestro del pesce e alla contestazione di vari articoli in merito alle norme sanitarie in materia di sicurezza alimentare. Le violazioni contestate, sommate alle violazioni del Codice della strada, ammontano ad un complessivo di 6.085 euro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento