Halloween sicuro, bando ai mortaretti: petardi sequestrati a un gruppo di tredicenni

La polizia locale di Carmignano di Brenta ha messo instrada una task force la sera del 31 ottobre. La festa è trascorsa senza incidenti, redarguiti ragazzini e adulti

I petardi sequestrati dai vigili urbani

Più controlli per garantire una notte di divertimento nel rispetto di tutti, uomini e animali. É stato l'impegno del Comune, che la notte di Halloween ha disposto servizi straordinari dei vigili urbani in tutto il territorio. La polizia locale ha sequestrato alcuni petardi e a dei giovani che erano scappati nel vedere i lampeggianti.

Scopo educativo

Sul territorio di Carmignano l'esplosione di mortaretti di vario genere è vietata, per garantire la sicurezza e la tranquillità tanto di chi non festeggia la ricorrenza, quanto degli animali che ne sono terrorizzati. I controlli si concentrano sui minorenni e i giovani: «Non per spaventarli o punirli» sottolinea il sindaco Alessandro Bolis «Ma per insegnare loro il senso civico e il rispetto delle regole, oltre al fatto che le autorità sono una garanzia e non una minaccia». Soddisfatta anche l'assessore alla sicurezza Raffaella Grando, poiché le verifiche che da anni sono una routine evitano il formarsi di zone franche, frequentate per consumare alcolici e stupefacenti il luoghi pubblici, oltre a limitare atti vandalici. «É il risultato della prevenzione ma anche di un’azione di educazione, poiché se i ragazzi vengono scoperti oltre a essere ammoniti dedichiamo del tempo a confrontarci con loro per fargli comprendere l'errore» commenta Grando.

Petardi sequestrati

La serata è trascorsa tranquilla, con molti bambini per le strade, accompagnati da adulti di casa in casa per il tradizionale "Dolcetto o scherzetto". Alle 21.30 gli agenti dell'istruttore capo Alessia Vazzoler hanno intercettato un numeroso gruppo davanti al municipio intento a esplodere dei petardi, elemento che ha portato i vigili a redarguire i genitori presenti. Si è invece concluso con il sequestro di diverso materiale il controllo a carico di una decina di tredicenni del paese. I ragazzi si trovavano nel quartiere Boschi attorno alle 22 e alla vista della pattuglia sono scappati. Rintracciati poco dopo hanno dichiarato di non avere petardi, salvo poi consegnarne numerose scatole.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Live - Coronavirus: morto Adriano Trevisan, altri 9 casi accertati a Vo'. Università chiuse

  • Michele, con la famiglia in isolamento per senso di comunità

  • Cani e proprietari: emergenza Coronavirus, come comportarsi col proprio animale

  • Coronavirus: primi due casi sospetti nel Padovano, l’ospedale di Schiavonia verrà svuotato

  • LIVE - Emergenza Coronavirus: nuovi casi in provincia, negativo il tampone del presunto "paziente zero". Scuole, università, uffici chiusi

  • Coronavirus, la lettera del sindaco Giordani ai padovani

Torna su
PadovaOggi è in caricamento