menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il sindaco Giordani incontra il Prefetto: "Con me nuova stagione di concordia"

Incontro istituzionale per il primo cittadino di Padova, ricevuto martedì in Prefettura

Il neo eletto sindaco di Padova Sergio Giordani, nel pomerggio di martedì, è stato ricevuto dal prefetto di Padova Renato Franceschelli. Nel corso dell'incontro, Sergio Giordani ha sottolineato la propria volontà di collaborazione con la Prefettura nell'affrontare con pragmatismo e concretezza tutte le tematiche che riguardano i rapporti tra il Governo e  il Comune di Padova.

PREFETTO. Da parte sua il Prefetto si è congratulato con Sergio Giordani  per la proclamazione ed ha assicurato la massima attenzione alle istanze che gli saranno sottoposte. Entrambi hanno convenuto sulla necessità di mantenere in futuro uno stretta collaborazione che agevoli e rafforzi le intese e la cooperazione tra il tessuto amministrativo statale e l'amministrazione locale con l'obiettivo comune di tutelare e garantire i diritti di tutti i cittadini.

INSIEME. "Con la collaborazione possiamo trovare percorsi condivisi per affrontare nella maniera più efficace possibile e nell'interesse dei nostri concittadini tutte le questioni che vincolano ad un rapporto diretto e leale queste due importanti Istituzioni del nostro territorio – a commentato Sergio Giordani - specie sul versante delicato dei temi che muovono l'interesse e anche le inquietudini dell'opinione pubblica non c'è nulla di più nocivo, come hanno già dimostrato i fatti, di un atteggiamento fuori dai binari del dialogo. Specie i problemi più complessi si devono affrontare assieme al Prefetto e a tutti gli attori istituzionali ma anche assieme ai colleghi Sindaci della Provincia. Ogni via diversa non ha a che fare con l'interesse pubblico perché porta solo ad aggravare criticità che poi gravano sulle spalle della popolazione".

COLLABORAZIONE. "Come ho sempre detto - ha concluso - con me Sindaco partirà una nuova stagione di concordia volta alle soluzioni, e mai mancherà la mia volontà di dialogo. Allo stesso tempo, secondo criteri di equità e buon senso, nessuno potrà più pensare che i problemi causati da chi questa collaborazione la nega per partito preso e in maniera ideologica, ricadano sul comune capoluogo e sui padovani".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento