menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fa sesso col prete poi lo ricatta "Dammi i soldi o mostro i filmini"

Un parroco della Bassa Padovana è stato vittima di un 22enne marocchino con cui avrebbe avuto degli incontri di natura sessuale. Il giovane gli avrebbe chiesto 10mila euro per tenere la bocca chiusa

Presunti incontri di natura sessuale con un parroco della Bassa Padovana. Poi la minaccia di diffondere i filmini "hard" se il prete non gli avesse dato 10mila euro. Infine, la paura e la decisione, da parte del sacerdote, di rivolgersi ai carabinieri di Este. Così, come riportano i quotidiani locali, Sabit O., 22enne marocchino, è finito in manette per estorsione. L'arresto, lunedì, dopo che il giovane ricattatore è cascato nella trappola ideata dai militari.

LA TRAPPOLA. Il religioso avrebbe portato il 22enne a far scendere la cifra "dovuta" da 10mila a poco meno di 5mila euro. A quel punto avrebbe organizzato un incontro, in gran segreto, in campagna, dove nessuno avrebbe potuto assistere al rendez-vous tra i due presiunti ex amanti. Lì, avrebbe tirato fuori il denaro. Ovviamente quei soldi lo straniero li ha presi, e sarebbe stato lì lì per andarsene, non foss'altro che proprio in quell'istante hanno fatto capolino gli uomini dell'Arma, fino ad allora rimasti nascosti, con registratore alla mano.

L'ARRESTO. A poco sarebbe valso il tentativo di scagionarsi davanti ai carabinieri e di negare l'accaduto. Il 22enne è stato arrestato e, martedì mattina, si è presentato davanti al giudice del tribunale di Rovigo. A difenderlo, l'avvocato Barbara Bisaglia, che ha chiesto termini a difesa. Il giovane tornerà in tribunale il prossimo 3 dicembre. Fino ad allora, per il marocchino è stato disposto l'obbligo di dimora nel comune di Este.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento