rotate-mobile
Mercoledì, 8 Febbraio 2023
Cronaca San Carlo / Via Carlo Bettella

Sfratti, ottenuta la proroga di uno sfratto. Adl Cobas: «Risolvere emergenza abitativa»

«Sono tante le persone e le famiglie che sono state messe in ginocchio dalla crisi pandemica in questi ultimi anni, mentre Ater applica costantemente una politica che guarda solo al profitto e alla speculazione edilizia»

La mattina del Maggio attivisti del Cso Pedro e Adl Cobas Padova-Bassa Padovana sono intervenuti per difendere una famiglia dal tentativo di sfratto. «Le difficoltà economiche sono arrivate nel 2020, dopo tanti anni di regolare pagamento del canone di affitto, la famiglia è assegnataria dal 2006. Una richiesta di pagamento di arretrati da parte della proprietà che sembra più alta del dovuto ha messo in difficoltà queste persone. Come molti in questa pandemia si sono trovati nella situazione di non poter più far fronte alle spese. Inoltre la proprietà ha già pignorato buona parte dei risparmi famigliari, rendendo ancora più complicata la situazione», hanno spiegato delegati sindacali e attivisti. «Quello che è stato chiesto questa mattina alla proprietà è di avere il tempo per rientrare dal "debito" contratto, in modo da permettere alla famiglia di rimanere nella casa e stipulare un nuovo accordo».

Proprietà

«La proprietà dell'immobile è Ater, l'azienda - accusano da Adl Cobas - che gestisce l'edilizia pubblica residenziale nella regione Veneto, che questa mattina si è presentata con fabbro, avvocato e ufficiale giudiziario per eseguire lo sfratto, nonostante nei giorni scorsi fosse stato contattata per provare a stabilire un accordo di rientro. Per fortuna questa mattina c'erano tante persone solidali, compresi vicini di casa e amici, quindi in via Bettella lo sfratto è stato rinviato di 3 mesi.

Case popolari

«Sono tante le persone e le famiglie che sono state messe in ginocchio dalla crisi pandemica in questi ultimi anni, mentre Ater applica costantemente una politica che guarda solo al profitto e alla speculazione edilizia. Nello stesso quartiere in cui siamo stat? questa mattina sono centinaia le case pubbliche vuote e messe all'asta per venderle ai privati, mentre la manutenzione delle palazzine abitate è inesistente. Denunciamo con forza ancora una volta l'emergenza abitativa che non ha cessato di esistere con la pandemia, e chiediamo soluzioni reali e concrete per le famiglie che vivono sul territorio».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sfratti, ottenuta la proroga di uno sfratto. Adl Cobas: «Risolvere emergenza abitativa»

PadovaOggi è in caricamento