menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cadoneghe, il Comune lo sfratta dalla casa abusiva in cui viveva da ventun'anni

Sgombero al civico 12 di via Ca' Ponte. Comune: "Avvieremo programma di reinserimento"

Lunedì mattina, i vigili dell’Unione dei Comuni del Medio Brenta e i carabinieri si sono presentati al numero 12 di via Ca’ Ponte a Cadoneghe in compagnia dell’ufficiale giudiziario per procedere allo sgombero di un'abitazione abusiva. Dopo un lungo colloquio, l'inquilino si è impegnato a lasciare libero l’alloggio entro il 3 novembre.

REINSERIMENTO ABITATIVO. "Sono felice che si sia giunti a una soluzione condivisa - dice il sindaco Michele Schiavo - questa situazione di abuso e di illegalità, che si protraeva da 21 anni, non poteva più essere accettata. Tengo a dire che naturalmente l'inquilino, nonostante la legge non si presti a equivoci (anche il Tar si è espresso chiaramente), non verrà certo abbandonato per strada. I nostri Servizi sociali si sono già attivati per individuare una prima soluzione abitativa di emergenza (un hotel, un istituto di accoglienza), cui poi seguirà l’identificazione di una dimora adatta".

REINSERIMENTO SOCIO-LAVORATIVO. "Si tratta di un iter che i nostri uffici seguiranno in accordo con l’interessato, passo per passo - conclude Schiavo - verrà accompagnato in un percorso di reinserimento socio lavorativo, finalizzato a restituirlo a una vita attiva e soddisfacente. Ringrazio fin d’ora il personale comunale che ha preso in carico la questione, dimostrando non solo la consueta competenza, ma anche una apprezzabile capacità di empatia e di comprensione umana".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento