menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sisma, da Tribano un prefabbricato come municipio per Finale Emilia

Ieri la consegna della struttura in legno donata dall'azienda padovana Pu.Ma in favore di uno dei paesi più colpiti dal terremoto in Emilia. Ospiterà i principali uffici comunali, andati distrutti dalle violente scosse

Una nuova sede prefabbricata, provvisoria ma confortevole, ospiterà gli uffici principali del comune di Finale Emilia, il cui municipio è andato distrutto dalla violenta scossa di terremoto del 20 maggio scorso. La struttura in legno, completamente donata dalla ditta Pu.Ma di Tribano, è stata consegnata ufficialmente ieri al sindaco di Finale Fernando Ferioli dal presidente del consiglio regionale del Veneto Clodovaldo Ruffato. Presenti anche il presidente del consiglio regionale dell'Emilia Matteo Richetti, il vicepresidente di palazzo Ferro-Fini Franco Bonfante, il sindaco di Tribano Piergiovanni Argenton ed il titolare della Pu.Ma Giorgio Giraldo.

L'ANNUNCIO: DA UN'AZIENDA PADOVANA UN AIUTO PER FINALE EMILIA

SOLIDARIETÀ MADE IN PADOVA. "Quando il titolare della Pu.Ma - ha raccontato il sindaco Argenton - mi ha manifestato l'intenzione di donare ai terremotati dell'Emilia un edificio prefabbricato di sua produzione, chiedendomi come fare, ho pensato che la strada migliore fosse quella di rivolgermi al presidente Ruffato. Che a sua volta, come ho appreso più tardi, ha chiesto consiglio al collega presidente dell'Emilia Romagna che ha raccolto l'esigenza del primo cittadino di Finale Emilia, alla ricerca di un edificio dove collocare alcuni servizi per i propri cittadini, privati dal terremoto della loro casa comunale".

L'EDIFICIO. Montata in uno spiazzo adiacente il centro dove già sono in funzione alcune strutture mobili della crocerossa, della protezione civile e della polizia locale, la struttura prefabbricata è realizzata in legno, coibentata in modo da garantire un'ottima vivibilità interna sia alle basse che alle alte temperature, con cinque stanze per una superficie di quasi 100 metri quadri".

UN'OPPORTUNITÀ DAL VENETO. "Sono particolarmente felice - ha detto Ruffato - di aver fatto da tramite per questo gesto di solidarietà nei confronti di una terra colpita da una così grave tragedia". "Atti come questi - gli ha risposto il sindaco di Finale - oltre ad aiutarci a risolvere alcuni problemi concreti, ci incoraggiano e ci danno la forza, per il loro significato anche simbolico, per continuare ad affrontare una situazione molto difficile ed impegnativa. Grazie perciò al Veneto per averci dato l'una e l'altra opportunità".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento